Naufragio Egeo, 'mia figlia morta per respingimento'

L'accusa del padre della bambina alla Guardia costiera greca

15 gennaio, 15:54

(ANSAmed) - ISTANBUL, 15 GEN - La morte intorno all'alba di oggi nel mar Egeo tra Turchia e Grecia di una bimba di 4 anni, che si trovava a bordo di un gommone di migranti in difficoltà, sarebbe seguita a un'operazione di respingimento della guardia costiera greca. A denunciarlo è il padre della piccola, Mohammed Fadil, un cittadino iracheno che è tra le 46 persone tratte in salvo dai guardacoste di Ankara al largo della costa sudoccidentale turca di Kusadasi.

"C'erano onde forti. Pensavamo che fossero venuti a salvarci.

Ci hanno detto di spegnere il motore. Poi hanno legato la nostra barca alla loro, iniziando a farci girare in cerchio. Hanno provato a ucciderci. Sono riuscito a salvare due miei figli, ma non l'altra", ha raccontato Mohammed Fadil, citato da Anadolu.

(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo