Giordania: ministro, Israele libererà 2 cittadini arrestati

Ufficio Netanyahu conferma, a breve rientro ambasciatore Amman

04 novembre, 16:53

(ANSAmed) - TEL AVIV, 4 NOV - Il ministro degli Esteri di Amman, Ayman Safadi, ha detto che Israele rilascerà i due cittadini giordani in detenzione amministrativa nello Stato ebraico. Lo riporta l'agenzia ufficiale giordana Petra secondo cui Hiba al-Labadi e Abdul Rahman Miri saranno rilasciati ed estradati in Giordania entro la fine di questa settimana.

L'accordo - secondo la stessa fonte - è stato raggiunto dopo lunghi intesi contatti del ministero degli Esteri hashemita con Israele "con istruzioni dirette di Sua Maestà re Abdullah II per prendere tutte le misure necessarie per liberare" i due cittadini.

L'ufficio del premier israeliano Benyamin Netanyahu ha confermato il rilascio a breve dei due cittadini giordani in carcere e il rientro a breve nello stato ebraico dell'ambasciatore di Amman. Israele aveva arrestato al-Labadi (32 anni) lo scorso 20 agosto e Miri (29) il 2 settembre al valico di frontiera di Allenby. Le accuse per al-Labadi erano "di sospetto coinvolgimento in severe violazione della sicurezza".

La vicenda aveva portato lo scorso 30 ottobre a una crisi diplomatica tra i due Paesi con il richiamo in patria da parte di Amman dell'ambasciatore giordano in Israele Ghassan al-Majali. "Lo stato di Israele - ha sottolineato l'ufficio di Netanyahu - vede le relazioni con la Giordania come un pietra miliare della stabilità in Medio Oriente e continuerà a lavorare per conservare la sicurezza regionale".(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo