Euromed: Pe, niente fondi per finanze Paesi non democratici

Eurodeputati vogliono regole piu' rigide e dare i via libera

25 maggio, 16:47

(ANSAmed) - BRUXELLES, 25 MAG - Niente fondi di emergenza ai paesi vicini alle prese con problemi finanziari, ma che non rispettano i diritti umani e la democrazia. E' questa la posizione dell'Assemblea di Strasburgo, che nell'ultima plenaria ha votato un rapporto sul tema a larga maggioranza.

''Troppo spesso in passato - ha detto il relatore, il bulgaro Metin Kazak (Ppe) - questo tipo di assistenza e' stata fornita con scarsa preoccupazione per i valori dell'Ue. Il mio rapporto e' chiaro: solo quei paesi con un forte impegno a rafforzare le istituzioni democratiche i diritti umani, la trasparenza e la lotta contro la corruzione, dovrebbero ricevere prestiti e sovvenzioni di emergenza dall'Ue''.

Il Parlamento europeo chiede quindi che i principali beneficiari, come i vicini dei Balcani e dell'Est, usino i soldi per misure come la lotta al lavoro minorile forzato o la corruzione o la poverta'.

Gli eurodeputati vogliono inoltre sbarrare ogni piano della Commissione Ue di tagliarli fuori dal processo decisionale. Ora cominceranno i negoziati formali con il Consiglio, per raggiungere un accordo sulla modifica del regolamento. (ANSAmed)
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA