Libano: media, cresce tensione per profughi nella Bekaa

Dopo sfollamento forzato di centinaia di persone

10 giugno, 11:42

(ANSAmed) - BEIRUT, 10 GIU - Rimane alta la tensione nella valle libanese della Bekaa dopo lo sfollamento forzato di centinaia di profughi siriani nel fine settimana. Media locali riferiscono della possibilità che circa 400 profughi, tra cui molte donne e bambini, vengano trasferiti con la forza in Siria, da cui sono fuggiti e dove in alcune aree il conflitto armato continua. L'epicentro della tensione è la campagna di Dayr al Ahmar, nella parte settentrionale della valle della Bekaa. Dal 2011, anno in cui è scoppiata la crisi siriana, in Libano rimangono più di un milione di profughi siriani su una popolazione che non supera i quattro milioni di persone. Le autorità libanesi hanno intensificato le pratiche di smantellamento dei campi profughi aumentando la pressione nei confronti delle comunità di profughi. Il Libano non ha firmato la convenzione di Ginevra sul diritto dei rifugiati e dal 2011 ha sempre considerato temporanea la presenza degli "ospiti stranieri" sul proprio territorio. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo