Coronavirus: Libano, primo caso contagio in campo profughi

Nella Bekaa, una donna palestinese proveniente dalla Siria

22 aprile, 12:02

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 APR - In Libano si registra il primo caso di coronavirus in un campo profughi palestinese. Lo riferisce l'agenzia governativa Nna, precisando che il paziente infettato da Covid-19 si trova nel campo profughi di Jalil, nella regione di Baalbeck nella valle orientale della Bekaa. La Nna cita l'agenzia dell'Onu per i rifugiati palestinesi (Unrwa), secondo cui la paziente è una donna, originaria di un campo profughi in Siria, paese colpito da nove anni di guerra.

La donna è ora ricoverata in un ospedale di Beirut. In Libano si registrano circa 677 casi positivi e 21 decessi per coronavirus. Nel paese vivono più di mezzo milione di profughi palestinesi e circa un milione e mezzo di profughi siriani. La popolazione nazionale libanese è di circa quattro milioni di persone. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo