Coronavirus: Libano, mille siriani bloccati al confine

Intercettati da soldati mentre tentavano di tornare in Siria

18 giugno, 15:36

(ANSAmed) - BEIRUT, 18 GIU - Un migliaio di profughi siriani in Libano che tentavano di tornare illegalmente nella vicina Siria sono bloccati da alcune ore al confine tra i due Paesi a causa della chiusura della frontiera nel quadro delle misure anti-coronavirus. Ne danno notizia stamani i media libanesi, secondo cui operatori dell'agenzia dell'Onu per i rifugiati (Unhcr) si sono recati al valico frontaliero libanese di Masnaa per prestare i primi soccorsi ai civili siriani, in larga parte donne e bambini.

Secondo le prime informazioni, questo folto gruppo di profughi siriani, da anni fuggiti dal loro paese in guerra nel vicino Libano, hanno tentato di rientrare in patria tramite i valichi illegali tra i due paesi. L'esercito libanese ha intercettato il gruppo e ha condotto i profughi al punto di frontiera di Masnaa. Il confine dei due paesi è di fatto chiuso da tre mesi per le misure restrittive anti-Covid-19. E nei giorni scorsi le autorità libanesi hanno riaperto temporaneamente la frontiera soltanto per consentire il rientro dalla Siria di libanesi bloccati da settimane nel vicino paese arabo. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo