MO: Dalle rivolte arabe alla ricerca del Medioriente perduto

Un anno fa moriva in Siria Anthony Shadid,modello di giornalismo

15 febbraio, 17:59

(di Lorenzo Trombetta) (ANSAMed) - BEIRUT, 16 FEB - Che le rivolte arabe non sarebbero stata una gita di piacere per i milioni di persone coinvolte in un fenomeno senza precedenti lo sapeva bene Anthony Shadid, 43enne pluri-premiato giornalista americano di origini libanesi, firma del Washington Post e poi del New York Times, scomparso un anno fa nel nord della Siria mentre tentava di raccontare l'ennesima storia intrisa di violenza e speranza. Ucciso il 16 febbraio 2012 non da un colpo di arma da fuoco o dall'esplosione di una mina ,ma da un banale quanto fortissimo attacco di asma, Shadid ha incarnato per anni un modello di giornalismo in via d'estinzione, fondendo l'abilità del cronista di raccontare l'immediatezza e quella dell'analista di spiegare in parole semplici fenomeni complessi. Una fusione che è perfettamente riuscita nel suo ultimo libro - "La casa di pietra" (ADD Editore) - uscito postumo l'anno scorso e di cui si attende a breve la prima ristampa dell'edizione italiana. Il sottotitolo - "Memorie di una casa, una famiglia e un Medio Oriente perduto" - testimonia la molteplicità delle dimensioni contenute in un testo voluminoso (circa 450 pagine in italiano), ma utile per andare oltre i logorati luoghi comuni sulla regione. Perché "la casa di pietra" non è solo il racconto di un'epopea familiare, un'autobiografia o una ricostruzione giornalistica di eventi più o meno recenti. Ma è soprattutto una testimonianza di come ancora oggi, per i cronisti e per chiunque intenda fare divulgazione, sia necessario tornare alle origini degli eventi, siano essi privati o collettivi. E scavare sotto le macerie della grande Storia e delle piccole storie individuali, calpestare il terreno alla ricerca di prove, dati, voci di ieri e di oggi. Già nell'autunno 2011, nove mesi dopo la caduta del presidente egiziano Hosni Mubarak, Shadid scriveva dal Cairo quel che molte firme del giornalismo occidentale hanno cominciato a scrivere solo nelle ultime settimane: che "le rivolte arabe non saranno una passeggiata senza ostacoli" e che non mancheranno "frammentazione, bagni di sangue, disordine". "Anthony non ha mai usato nei suoi articoli l'espressione 'Primavera araba' perché era cosciente che non si trattava né di un fenomeno passeggero né di un processo incruento", afferma Nada Bakri, seconda moglie di Shadid, parlando a Beirut con ANSAMed. Anche lei è una giornalista del New York Times e i due si conobbero sotto le bombe della guerra tra Israele e gli Hezbollah libanese nell'estate del 2006. Solo pochi mesi prima, Shadid era tornato alle sue origini.

E aveva toccato con mano le pietre di quella che fu la casa dei suoi antenati, a Marjuyun, nel sud del Libano. Il percorso narrativo del libro si snoda attraverso le fasi di restauro di questo 'bayt', il cui significato va oltre il senso delle quattro mura e racchiude quello di famiglia allargata. Quella di Shadid - nato a Oklahoma city - era stata ormai naturalizzata americana da due generazioni. "Sebbene fosse nato e cresciuto negli Stati Uniti, si sentiva comunque arabo, figlio del Levante arabo", racconta la moglie. E' un'inclinazione che emerge con forza nelle pagine del libro, dove si rievoca a più riprese il cosmopolitismo e l'unità territoriale delle province arabe dell'Impero ottomano. In questo "Medio Oriente perduto", che trascendeva i confini degli stati nazionali creati a tavolino dalle potenze coloniali circa un secolo fa, i suoi antenati originari dell'Hawran - oggi Siria meridionale - poterono con relativa facilità giungere nell'odierno sud del Libano e costruire il loro 'bayt'. Shadid aveva sempre sognato di diventare un giornalista specializzato in Medio Oriente, ricorda la moglie. E per questo, nei primi anni '90 si recò al Cairo per imparare l'arabo. Nella capitale egiziana vi tornò qualche anno dopo per dirigere l'ufficio dell'Associated Press. Da allora in poi la sua carriera è puntellata di incarichi di prestigio e di riconoscimenti: per il suo lavoro in Iraq ha vinto per ben due volte, nel 2004 e nel 2010, il Pulitzer. Premi ma anche rischi. Nel 2002 fu ferito ad una spalla dal proiettile esploso da un cecchino israeliano a Ramallah, in Cisgiordania. E nel raccontare la rivolta libica del 2011, fu catturato e tenuto prigioniero per alcuni giorni dalle autorità di Tripoli assieme ad altri colleghi. Tra loro c'era il fotografo Tyler Hicks. Lo stesso che ha assistito impotente all'assurda morte di Shadid su una collina del nord della Siria.

"Anthony è stato sempre molto prudente nel suo lavoro", ricorda Nada Bakri, madre di Malik, il loro figlio di appena tre anni rimasto orfano del padre. "Ma era spinto dalla responsabilità di raccontare storie che, come ripeteva spesso, andavano raccontate in quel momento. Se no, non sarebbero mai più state raccontate". (ANSAMed).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo