Migranti: Muscat, Italia e Malta stiano dalla stessa parte

Premier a Radio 24, Salvini? Mai sentito, parlo spesso con Conte

15 gennaio, 13:02

(ANSAmed) - ROMA, 15 GEN - "Per anni Italia e Malta hanno chiesto una condivisione del problema migranti, non mi capacito del perché con il Global Compact - che significa proprio questo - l'Italia si sia invece sottratta". Lo ha detto il primo ministro maltese Josep Muscat a Radio 24, che ne anticipa il contenuto.

"Siamo il terzo paese per quanto riguarda il numero di richieste di asilo nell'Unione europea - dice - Siamo secondi solo ai greci e ai ciprioti. C'è quindi una pressione su Malta.

Siamo d'accordo nel dire che questo non è il problema di un solo paese, ma un problema europeo, anzi mondiale. Anche per questo abbiamo firmato il Global Compact on migration, che sostiene che la questione deve essere risolta a livello mondiale". Il premier nell'intervista parla anche dei rapporti con l'Italia: "Con il signor Salvini non mi sono mai sentito, con il presidente del consiglio mi sento spesso, la sua predisposizione naturale è per il dialogo. Penso di avere una relazione decente con lui, non sempre siamo d'accordo su questo tema e mi dispiace, perché alla fine Malta e Italia hanno le stesse problematiche e dovrebbero essere dalla stessa parte per riformare il trattato di Dublino e non lasciare da soli i paesi di frontiera. A Malta ci sono tanti italiani e sono i benvenuti".

Infine, una battuta sui populisti: "Non trattiamo con i leader estremisti ma dobbiamo parlare con la gente che vota questi partiti - afferma Muscat - Non sono estremisti sono persone perbene che hanno domande legittime alle quali i partiti tradizionali non danno risposte. Danno risposte solo gli estremisti, sono le risposte sbagliate ma sono le uniche in giro". (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo