Malta: Theuma, 'Fenech insisteva: Daphne non sopravviva'

Nuovo dettaglio da testimonianza in aula dell'intermediario

04 dicembre, 17:52

(ANSAmed) - LA VALLETTA, 4 DIC - Dopo aver dato l'ordine definitivo per l'uccisione di Daphne Caruana Galizia, l'imprenditore Yorgen Fenech "bombardava" di messaggi e telefonate l'intermediario di morte Melvin Theuma perché facesse in fretta e soprattutto si assicurasse che la giornalista non sopravvivesse all'attentato. E' uno degli agghiaccianti particolari emersi nella lunga e dettagliata testimonianza fatta stamane in Tribunale, in cui il tassista-usuraio (che ha ottenuto la grazia per la confessione e le prove esibite) ha accusato Yorgen Fenech di essere "l'unico mandante" dell'omicidio. Nel corso della testimonianza ha anche dettagliato di aver incontrato solo due volte Keith Schembri, l'ex braccio destro di Muscat. E di averlo citato nella lettera-assicurazione scritta quando ha cominciato a temere per la propria vita senza avere informazioni dirette. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo