Serbia: Vucic all'Onu, enormi progressi grazie a riforme

Stabilità economica, forte crescita, investimenti, occupazione

27 settembre, 11:51

(ANSAmed) - BELGRADO, 27 SET - Per il presidente Aleksandar Vucic la Serbia, grazie al programma di profonde riforme messe in cantiere negli ultimi anni, ha compiuto grandi progressi ed è ora in una situazione di stabilità economico-finanziaria e avanzamento sociale. "Vengo da un Paese che nel 2014 ha dovuto affrontare riforme estremamente difficili, eravamo sull'orlo della bancarotta e di un disastro totale, ma oggi la Serbia non ha problemi con le finanze pubbliche", ha detto Vucic nel suo intervento ieri all'Assemblea generale dell'Onu.

Citato dai media a Belgrado, il presidente ha sottolineato che stando alle proiezioni del Fondo monetario internazionale (Fmi) la crescita economica cumulativa risulterà del 12,5%-13% nei prossimi anni, la più alta fra i Paesi della regione.

Il pil pro capite, sempre secondo l'Fmi, toccherà 10.394 dollari nel 2023, il 44% in più dai 7.207 dollari del 2018 - ha aggiunto Vucic sottolineando come in una tale situazione di stabilità economica la Serbia ha attratto lo scorso anno 2,3 miliardi di euro di investimenti esteri diretti, il valore più alto fatto registrare finora dal Paese. La Serbia inoltre ha notevolmente ridotto il tasso di disoccupazione portandolo dal 25% di alcuni anni fa al 10,3%, il più basso nella regione. E l'obiettivo primario è ora investire sempre di più nelle nuove tecnologie, nella digitalizzazione e nell'intelligenza artificiale.(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo