Migranti: Balcani, ong denunciano respingimenti a catena

Sotto accusa in particolare la polizia di frontiera croata

18 ottobre, 17:09

(ANSAmed) - ZAGABRIA, 18 OTT - Una coalizione di organizzazioni non-governative basate in Italia, Croazia, Serbia e Macedonia del Nord, che raccoglie gruppi per la difesa dei diritti dei migranti, ha denunciato oggi la "sempre più frequente pratica sulla rotta migratoria balcanica dei respingimenti illeciti a catena", da un Paese all'altro.

Secondo un comunicato diffuso oggi a Zagabria, "i migranti sono esposti a respingimenti illeciti ogni giorno, spesso con l'uso della forza, sequestri dei loro averi, maltrattamenti e umiliazioni". Le statistiche in possesso delle ong mostrano che a migliaia di migranti viene negato il diritto di chiedere asilo e che in molti casi vengono respinti e trasportati da un Paese all'altro, per finire spesso in Grecia.

Molti dei migranti che sono riusciti a ottenere la protezione umanitaria o lo status di richiedente asilo in Italia, avrebbero poi testimoniato di abusi e maltrattamenti che hanno subito sulla rotta balcanica, in particolare da parte della polizia croata. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo