Siria: curdi, operazione "sicurezza" dentro campo 'Isis'

'Saranno censite migliaia di donne, mogli di ex jihadisti'

10 giugno, 17:03

(ANSAmed) - BEIRUT, 10 GIU - Le forze curdo-siriane hanno annunciato oggi di aver avviato una campagna di "sicurezza" all'interno del più affollato campo profughi nell'est del paese dove sono ospitate più di 30mila tra mogli e figli di jihadisti dell'Isis, circa 10mila di nazionalità non siriana. Lo riferiscono i media siriani citando un comunicato dell'amministrazione autonoma curdo-siriana nell'est e nel nord-est della Siria, appoggiata dagli Stati Uniti.

L'operazione di "sicurezza" nel campo di al Hol, a sud della città di Hasake e vicina al confine con l'Iraq, avviene nel contesto di una più vasta campagna militare curdo-siriana anti-Isis portata avanti con l'aiuto della Coalizione internazionale a guida Usa.

Il campo di al Hol è descritto dalle organizzazioni internazionali umanitarie come uno dei luoghi più a rischio dal punto di vista umanitario e igienico-sanitario a causa dell'affollamento prolungato ma in condizioni molto precarie di decine di migliaia di persone, in larga parte donne e bambini, dal dicembre del 2018. Le autorità curdo-siriane affermano che durante l'operazione di "sicurezza" all'interno del campo sarà effettuato "un censimento delle donne straniere identificate come le mogli di membri dell'Isis". Questo, affermano le autorità curde, per contribuire a preservare la sicurezza e a evitare atti terroristi nell'area e nel mondo. Le autorità curde ricordano che numerose donne non siriane rinchiuse ad al Hol hanno nazionalità di nazioni occidentali e asiatiche, ma i loro rispettivi paesi si sono finora rifiutati di rimpatriarle in massa.(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo