Crisi: Spagna, verso pesanti tagli per medicinali

Riforma sanita' prevede anche ticket per i pensionati

27 giugno, 11:40

(ANSAmed) - MADRID, 27 GIU - Giro di vite sulla sanità in Spagna. A partire dal primo luglio gli spagnoli dovranno pagare interamente di tasca propria, ben 456 medicinali di uso comune fino ad oggi 'coperti' dai finanziamenti pubblici. Lo scrive oggi la stampa spagnola, e El Pais ne fa il suo titolo principale. L'obiettivo, ha assicurato la ministra della Sanità, Ana Mato, è risparmiare i 440 milioni di euro necessari per mantenere i fondi pubblici destinati alle terapie per le malattie gravi. Tra i farmaci esclusi, medicinali di uso comune come antibiotici per la tosse, trattamenti per le emorroidi, pomate per l'herpes, lassativi. La riforma prevede che la maggior parte dei pensionati con accesso gratuito ai medicinali paghi, per la prima volta, un ticket mediamente del 10%.

(ANSAmed).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo