Cresce islamofobia in Spagna, 546 incidenti nel 2017

Report Plataforma Ciudadana contro intolleranza religiosa

02 marzo, 21:30

Una manifestazione antirazzista a Madrid Una manifestazione antirazzista a Madrid

MADRID - Cresce l'islamofobia in Spagna, dove nel 2017 sono stati registrati 546 incidenti di odio o intolleranza, dei quali i due terzi, circa 386, in Internet. E' quanto si evince dal rapporto annuale sull'islamofobia 2018, presentato oggi alla Casa Arabe di Madrid dalla Plataforma Ciudadana contra la Islamofobia.

In aumento i messaggi di ostilità nei confronti della comunità musulmana da parte di leader politici, gli attacchi a moschee, le campagne mediatiche contro l'apertura di nuovi centri di culto, ma anche le aggressioni e discriminazioni di donne musulmane e il proliferare di messaggi di odio e fake news con messaggi xenofobi nelle reti sociali.

Degli incidenti rilevati lo scorso anno, il 21% erano atti diretti contro le donne e il 4% contro bambini, mentre il 7% contro moschee e centri di culto, l'8% contro uomini e il 4% contro non musulmani. Per regioni, la Catalogna è stata quella che ha registrato un maggior numero di incidenti di carattere islamofobico - soprattutto dopo le stragi di matrice jihadista di Barcellona e Cambrils - seguita dall'Andalusia e dalla Comunità Valenciana. La Plataforma Ciudadana è un'associazione nazionale indipendente costituita nel 2011 dal Centro Culturale Islamico di Valenzia, dal Movimento conto l'intolleranza e dalla Giunta Islamica, membro del Consiglio delle vittime di reati di odio e discriminazione, organismo pioniere e punto di riferimento in Europa.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo