Agricoltura:Fao aggiunge due siti tunisini a lista Giahs

Ramli a Ghar El Melh e giardini pensili di Djebba El Olia

15 giugno, 14:07

(ANSAmed) - TUNISI, 15 GIU - I tradizionali sistemi agricoli Ramli della Tunisia nelle lagune di Ghar El Melh e i suoi giardini pensili di Djebba El Olia, sono stati riconosciuti come Sistemi di Patrimonio Agricolo Importante Globalmente (Giahs), una designazione gestita dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao). È la seconda volta che i siti tunisini ottengono il riconoscimento Giahs, dopo le Oasi di Gafsa nel 2011.

Entrambi i siti riflettono profondi legami tra le colture coltivate e l'ecosistema naturale, la fauna e la flora locali, - si legge sul sito della Fao - promuovendo al contempo la conservazione delle conoscenze tradizionali e la conservazione della biodiversità. Il loro riconoscimento come siti Giahs incoraggerà le comunità locali a valorizzare meglio e conservare il loro patrimonio per le generazioni future.

Le Ramli ("sulla sabbia") sono pratiche agricole che consistono nella coltivazione di colture su substrati sabbiosi.

Unici non solo in Tunisia ma in tutto il mondo, questi sistemi agricoli furono creati nel 17mo secolo dalla diaspora andalusa per far fronte alla mancanza di terra coltivabile e acqua dolce.

Le pratiche ingegnose si basano su un sistema di irrigazione passivo in cui le radici delle piante sono alimentate durante ogni stagione dall'acqua piovana immagazzinata e che galleggia sulla superficie del mare attraverso il movimento delle maree.

Le conoscenze tradizionali conservate nel corso dei secoli consentono agli agricoltori di mantenere le trame lagunari attraverso la fornitura precisa di sabbia e materia organica in modo che le colture raggiungano la giusta altezza, consentendo alle radici di essere irrigate da un'acqua dolce e fine e non essere influenzate dal sale acqua. Siepi di alberi da frutto e arbusti sulla barriera lagunare proteggono le trame coltivate dal vento e dagli spruzzi del mare, aiutano a rallentare l'evaporazione e fissano la sabbia. Un sistema così poliedrico consente di coltivare colture tutto l'anno senza rifornimenti idrici artificiali, anche durante i periodi di siccità.

Arroccati sulle alture del Monte el Gorra, i giardini di Djebba el Olia formano un sistema agroforestale unico. Ad un'altitudine di 600 metri, gli agricoltori sono stati in grado di modellare questo paesaggio montuoso a loro vantaggio integrando l'agricoltura su terrazze derivate da formazioni geologiche naturali o costruendole in pietra a secco. Rinforzato da un efficiente sistema di irrigazione, i giardini pensili sono esempi di sistemi agroforestali innovativi e resistenti che soddisfano le esigenze alimentari delle comunità locali durante tutto l'anno. Grazie alla conservazione delle foreste in alta quota e alla moltitudine di specie presenti nello strato degli alberi dei giardini, Djebba El Olia beneficia di un particolare microclima.

Basata su pratiche che combinano agroforestry e agroecologia, la coltivazione del fico è il pilastro di un sistema policulturale vario e resiliente supportato da un vasto allevamento. Oltre ai fichi, nei giardini viene prodotto un gran numero di verdure, legumi e specie di frutta, tra cui piante solanacee (pomodoro, pepe) oltre a zucca, fave, cipolla, fagioli e patate. L'allevamento del bestiame è anche una parte importante della biodiversità del sito, in particolare la razza locale di pecore Black Thibar, adattata al terreno accidentato, e la razza bovina Brown Atlas nota per la sua robustezza. Questi giardini beneficiano delle foreste vicine e delle specie di flora e fauna selvatiche garantendo che gli impollinatori selvatici sostengano anche la biodiversità. L'arte di gestire le specie coltivate e selvatiche è la base della conoscenza ingegnosa del sito. La qualità dei prodotti è molto apprezzata: i fichi con etichetta Aoc di Djebba, la frutta fresca e secca e i prodotti trasformati (marmellate) sono tutti molto ricercati a livello locale e all'estero, rappresentando un'importante fonte di reddito.

L'aggiunta dei due siti tunisini porta il numero totale di Giahs nel mondo a 61 in 22 paesi. Questo programma di riferimento della Fao evidenzia i modi unici che le comunità rurali hanno forgiato nel corso delle generazioni per promuovere la sicurezza alimentare, mezzi di sussistenza vitali, ecosistemi resilienti e alti livelli di biodiversità, contribuendo nel contempo alla formazione di paesaggi straordinari.(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo