Libia, Ong: '11mila i mercenari arruolati dalla Turchia'

'In larga parte siriani ma ci sono anche altre nazionalità'

06 maggio, 12:02

BEIRUT - Sale a 11mila il numero dei "mercenari" siriani e di altre nazionalità arruolati dalla Turchia per essere impiegati in Libia. Lo riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria, secondo cui negli ultimi mesi il governo di Ankara ha inviato in Libia 7.850 miliziani, siriani e di nazionalità non precisate, mentre ha radunato nei centri di addestramento in Turchia circa altri 3mila combattenti. In tutto finora, secondo l'Osservatorio, si registrano 261 "mercenari" siriani filo-turchi morti in battaglia in Libia a sostegno del fronte del governo di Tripoli. Questo è riconosciuto dall'Onu e dall'Unione Europea ed è opposto alle forze del generale libico Khalifa Haftar sostenute invece da Egitto, Russia, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo