Coronavirus: Conai,a rischio raccolta rifiuti da imballaggio

Lettera a premier, servono interventi per la tutela della filiera del riciclo

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - L'emergenza coronavirus potrebbe mettere a rischio la raccolta dei rifiuti da imballaggio. E' l'allarme del Consorzio nazionale imballaggi (Conai), che parla di "problemi indifferibili per l'intera filiera della gestione della raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio". Per questo il Consorzio, alla luce del suo ruolo nel supporto dei Comuni italiani e cittadini nelle operazioni di raccolta, riciclo e recupero di questi rifiuti, ha già inviato una lettera al premier, al Capo della Protezione Civile, ai ministri competenti e al Presidente dell'Anci. Obiettivo: un immediato confronto con Governo e Regioni per scongiurare il pericolo della saturazione delle filiere.

Il blocco delle attività produttive non strategiche, denuncia il Conai, sta determinando la cancellazione di molti ordini d'acquisto di materia prima seconda, ossia la materia ottenuta da riciclo. Un problema che potrebbe, in tempi brevi, costringere i riciclatori a bloccare - almeno in parte - i ritiri dei rifiuti selezionati utilizzati per produrre materia riciclata: stanno aumentando gli stoccaggi in tutte le piattaforme di conferimento e selezione dei rifiuti, i cui limiti autorizzati determineranno a breve la sospensione delle attività di raccolta. "La compromissione delle attività presidiate da Conai può mettere a repentaglio la raccolta differenziata, inficiando i positivi risultati ottenuti negli anni e determinando conseguenze gravissime sul sistema di gestione dei rifiuti urbani, già congestionato", afferma Giorgio Quagliuolo, presidente Conai. «Auspichiamo l'urgente adozione di interventi specifici e utili a preservare il comparto ma soprattutto l'ambiente". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie