Moda

Moncler Genius, nuovi creativi e collaborazioni

JW Anderson entra nel progetto che va oltre il piumino

Milano Moda Donna: Moncler © ANSA
  • Redazione ANSA
  • MILANO
  • 20 febbraio 2020
  • 00:42

Dodici installazioni, dodici visioni per Moncler Genius, fedele al suo messaggio "One House, Different Voices" che, alla terza edizione, accoglie lo sguardo creativo del nordirlandese JW Anderson e si apre ad esperienze oltre il piumino, come la collaborazione con Rimowa, da cui sono nate le valigie con led dove far apparire il messaggio che si vuole tramite un'app. A indicare l'apertura ad altri mondi, un'installazione di bici nata dall'incontro con i danesi di Mate Bike, che accoglie i 4000 ospiti - tra cui l'attore Will Smith - all'ingresso dell'ex macello di viale Molise, che domenica si aprirà anche al pubblico, che potrà accedere alla presentazione registrandosi sul sito del brand.
    Nell'enorme spazio abbandonato, 10 box diversi nascondono le collezioni dei vari 'genius' al lavoro per Moncler, a partire da Jonathan Anderson, che ha rivisto i capi più iconici del suo brand, JW Anderson, riproponendo come decorazioni pois e borchie a punta in nylon. Ha lavorato inoltre sul contrasto opaco-lucido e aggiunto rimandi country ai codici dell'abbigliamento urbano.
    "Sono affascinato dalla tecnicità e dall'essenzialità dei capi Moncler. Un piumino - dice il creativo - deve assolvere una funzione ben precisa ed è un aspetto che ho sempre tenuto a mente disegnando questa collezione, reinterpretandolo attraverso il mio gusto per l'astrazione pura".
    Per Moncler 1952, Veronica Leoni ha immaginato "un esercito di donne in cerca di un paradiso perduto. Mi sono ispirata - racconta - all'esotismo dell'inizio del XX Secolo, interpretandolo in un'ottica moderna e funzionale. Femminilità, eleganza e praticità sono le parole chiave. Sono particolarmente fiera della collaborazione con Girl Up, che si batte per la parità di genere, con cui ho realizzato degli special items con lo slogan "It's her right". Per la collezione uomo 1952, invece, Sergio Zambon ha reinterpretato lo stile di Los Angeles con quattro creativi locali. Ha scelto la strada della collaborazione anche Hiroshi Fujiwara, che per la linea Fragment ha incontrato Lewis Leathers, Pokemon, Kool & the Gang e Converse. Tra le presentazioni più scenografiche quella di Craig Green, con stampanti che sembrano dar vita ai piumini, e quella di Sandro Mandrino, con acrobati che si arrampicano sulle pareti per mostrare i nuovi piumini bianchi su cui la luce disegna dei graffiti. Ottica al femminile per Simone Rocha, che porta tutti al cinema per un video ispirato a Fellini creato insieme a Petra Collins.(ANSA).
   

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie