Seat Leon Sportstourer,10 motori diversi: da metano a ibrido

Ampia possibilità di scelta, in gamma anche il diesel

Redazione ANSA ROMA

La Seat Leon Sportstourer espande la propria gamma di motorizzazioni. Con l'arrivo del propulsore 1.5 TGI 130CV DSG a metano, l'ampliamento del 'ventaglio' dei propulsori elettrificati con il nuovo mild hybrid 1.0 eTSI 110CV DSG e le due versioni 2.0 TDI da 115CV e 150CV, quest'ultima in abbinamento a cambio DSG e trazione integrale 4Drive, la versione station wagon della bestseller di Barcellona vanta un'offerta davvero variegata.


Il 2021 della casa di Barcellona è iniziato all'insegna delle tecnologie di propulsione alternative e, accanto al debutto delle inedite versioni eTSI mild hybrid ed e-Hybrid plug in, la nuova Leon Sportstourer è ora disponibile con la motorizzazione TGI alimentata a metano.

La Leon Sportstourer a metano monta il motore 1.5 TGI da 130CV abbinato al cambio automatico DSG 7 marce. La vettura integra tre serbatoi per il metano con un volume netto complessivo di 17,3 kg, che garantiscono un'autonomia di 440 km completamente a metano, che si estende a 600 km considerando il serbatoio di benzina da 9 litri.

L'offerta si amplia anche con l'introduzione del nuovo propulsore 1.0 e TSI 110CV DSG, che consolida un'offensiva ibrida che vanta ora due diverse tecnologie (mild hybrid e ibrido plug-in) e tre diverse motorizzazioni, rendendo Leon in linea con i trend di mercato che, a gennaio 2021, hanno visto il peso dell'ibrido superare il 27% del totale mercato.

Come per il 1.5 eTSI, anche il propulsore 1.0 eTSI mild hybrid abbina un motore a combustione, un alternatore (che funge anche da starter) e una batteria agli ioni di litio a 48V.

Il sistema permette alla vettura di procedere a motore spento in alcune situazioni di guida (funzione eco-coasting), recuperare energia in frenata (funzione di recupero energetico) e supportare il motore con una leggera assistenza elettrica (funzione boost), tutto automaticamente e senza la necessità di interazione da parte del conducente. Ciò permette alla Leon Sportstourer di ridurre in modo sensibile i consumi e le emissioni di CO2, che si attestano a 5,3 - 6,2 l/100 km e 120 - 141g/km (in ciclo combinato WLTP) rispettivamente.

L'offerta comprende anche il propulsore 2.0 TDI 115 CV, porta di ingresso alle motorizzazioni TDI della gamma, ed il nuovo propulsore 2.0 TDI 150 CV DSG 4Drive (disponibile in abbinamento alle versioni Business, FR e Xcellence) che incontra le aspettative del cliente più esigente che oltre al comfort ricerca il massimo delle prestazioni e della sicurezza in tutte le condizioni di guida.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie