WGC-Mexico: McIlroy show, luci e ombre per Molinari

Nordirlandese è subito leader. L'azzurro al 29/o posto come Rahm

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - Il WGC-Mexico Championship inizia nel segno di Rory McIlroy. A Città del Messico, nel primo dei quattro eventi del mini-circuito mondiale, l'attuale re del golf con un parziale di 65 (-6) si è preso leadership e scena. "Ho iniziato forte - ammette il nordirlandese - ma siamo solo all'inizio".
    Dopo un avvio convincente Francesco Molinari cede nel finale del primo giro, chiuso in 29/a posizione (72, +1) al fianco dello spagnolo Jon Rahm, che ha cominciato così in salita la rincorsa al trono mondiale.
    Partenza da dimenticare per Dustin Johnson. L'americano, campione uscente, è 62/o (76, +5).
    Sul percorso del Chapultepec GC (par 71), fondato 99 anni fa, McIlroy ha dato vita ad un autentico show. Cinque birdie, un eagle e un solo bogey per il 30enne di Holywood che insegue un nuovo exploit anche per raggiungere nel mito Nick Faldo, per 97 settimane in carriera in testa al ranking mondiale (terzo di sempre dietro solo a Greg Norman, 331, e Tiger Woods, 683).
    McIlroy è tallonato dagli americani Justin Thomas (numero 4 del ranking) e Bubba Watson, entrambi 2/i con 67 (-4). Mentre sono in 4/a posizione (68, -3) il sudafricano Louis Oosthuizen, il canadese Corey Conners e altri due statunitensi: Billy Horschel e Bryson DeChambeau.
    Luci e ombre per "Chicco" Molinari, ancora troppo impreciso.
    L'azzurro, dopo le prime tre eliminazioni al taglio del 2020 (American Express, Farmers Insurance e Genesis Invitational), in Messico mostra segnali di miglioramento ma chiude sopra il par un round dai due volti. Due birdie e tre bogey (di cui due nel finale alle buche 7 e 8, il torinese ha iniziato dal tee della 10) per "Laser Frankie". Stesso score, tra gli altri, per Rahm (che ha però raddrizzato al fotofinish una manche cominciata sotto i peggiori auspici con 3 bogey) e Shane Lowry, vincitore dell'Open Championship 2019.
    Gara già compromessa per Johnson. L'ex leader mondiale, vincitore per 3 volte del torneo (2015, 2017 e 2019), è costretto subito a rincorrere. In un evento, secondo per importanza solo ai 4 Major, che mette in palio anche un montepremi complessivo di 10.250.000 dollari. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA