A Genova si insegna a incontrare chi vive in strada

Per 160 agenti della polizia locale e assistenti sociali

 Sono 160, tra agenti della polizia locale e assistenti sociali, i dipendenti del Comune di Genova che andranno a scuola di 'soft skills' per gestire l'approccio con persone senza fissa dimora. Da che tono usare a quale distanza fisica rispettare, fino a come comportarsi in caso di atteggiamenti aggressivi o alterazioni dovute all'alcol. Sono alcune delle materie che gli operatori potranno studiare grazie a un corso che sarà tenuto dal gruppo Abele, la cosiddetta "università della strada" fondata da Don Ciotti. L'associazione ha vinto una gara pubblica indetta dal Comune che, per i prossimi due anni, sulla formazione in ambito sociale, investirà 195 mila euro. Il corso inizierà a febbraio e sarà replicato per quattro edizioni. Ogni edizione sarà articolata in 12 ore di lezione, divise in quattro incontri di tre ore, oltre a una giornata conclusiva seminariale.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie