Percorso:ANSA > Mare > Libri > Libri: storie musicisti liguri imbarcati su transatlantici

Libri: storie musicisti liguri imbarcati su transatlantici

Come arrivarono in Italia i grandi successi americani

09 settembre, 20:59
TITANIC [ARCHIVE MATERIAL 20060507 ] TITANIC [ARCHIVE MATERIAL 20060507 ]

(ANSA) - GENOVA, 9 SET - Racconta le storie di un gruppo di orchestrali savonesi e genovesi che nel secondo dopoguerra suonava sui transatlantici diretti verso le Americhe ''Quando Savona sognava l'America'', il libro del batterista e cantante savonese Fulvio La Cognata, presentato stamani nella Regione Liguria dall'assessore regionale al turismo e cultura Angelo Berlangieri. Edita dalla casa editrice Erga, l'opera, pubblicata lo scorso aprile, e' gia' giunta alla sua seconda edizione.

Partendo dal sottile filo che legava i tanti musicisti che si radunavano nello storico bar Enotria di Savona o in galleria Mazzini a Genova, simboli ideali dei tanti punti di ritrovo dell'Italia dell'epoca, l'autore spiega come i desideri e le speranze di una gioventu' che usciva dalla guerra fossero legati ad un telegramma che invitava ad imbarcarsi a bordo delle navi delle principali compagnie di navigazione, per allietare i passeggeri, molto spesso emigranti, con brani di artisti del calibro di Frank Sinatra, Dean Martin, Ella Fitzgerald e Count Basie. L'opera, scritta a piu' mani, e' basata sulle testimonianze dei protagonisti di quell'esperienza, che, una volta tornati in Italia, facevano ballare, sulle note della grande musica internazionale, che nel nostro Paese non era ancora conosciuta, i giovani di Genova e Savona.

''Ho deciso di scrivere questo libro perche' una storia dei musicisti genovesi e savonesi che lavoravano sui transatlantici in rotta verso le Americhe non era mai stata scritta - sottolinea l'autore Fulvio La Cognata - Il testo contiene le testimonianze e le foto di quasi una settantina di orchestrali che ho contattato ed intervistato personalmente. Tante canzoni che nel continente americano erano gia' famose le abbiamo imparate a bordo delle navi e le abbiamo fatte conoscere per primi in Italia, una volta sbarcati'', conclude l'autore.

(ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati