Coronavirus: mascherine dalla Cina, scoperta frode da 1mln

Operazione guardia finanza Torino, denunciato imprenditore

(ANSA) - TORINO, 09 APR - Ha importato dalla Cina container di mascherine, fornendo alla dogana false dichiarazioni per garantirsi uno 'svincolo' rapido delle merci e, soprattutto, per superare eventuali requisizioni. La guardia di finanza, nell'ambito di una operazione coordinata dalle procure di Torino e Ivrea, ha scoperto una frode da un milione di euro; sequestrate 45mila mascherine, un imprenditore di origini cinesi è stato denunciato.
    Contrabbando aggravato, falso in atto pubblico, ricettazione, frode in commercio i reati ipotizzati. In sede di importazione, erano stati indicati come destinazione alcuni comuni del Cuneese, ma solo una modesta quantità di mascherine è effettivamente finita li. Altre 400 mila sono state rivendute ad aziende e privati, tra cui un'impresa di Settimo Torinese. Qui le fiamme gialle hanno sequestrato oltre 25mila dispositivi; sulle scatole l'indicazione di destinazione recitava "Ospedale di Varese". Il titolare è stato denunciato per ricettazione. Il materiale sequestrato sarà destinato ai contesti emergenziali in crisi. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere



Modifica consenso Cookie