Asti torna a chiedere di entrare in zona produzione Moscato

Associazione Comuni, "assolutamente contrari"

(ANSA) - ASTI, 29 GIU - Il Comune di Asti torna a chiedere di essere inserito nella zona di produzione del Moscato d'Asti docg. Lo riferisce l'associazione Comuni del Moscato. "Nella recente riunione del consiglio direttivo dell'associazione - si legge in una nota - si è aperta una finestra sul passato, discutendo nuovamente, dopo tanti anni, della questione".
    L'occasione è stata data da una recente dichiarazione del Comune di Asti che ha nuovamente manifestato, in un incontro in videoconferenza a cui hanno partecipato anche il Consorzio di tutela, Coldiretti e Confagricoltura, la volontà di far parte del territorio del disciplinare.
    "La posizione dei sindaci dell'associazione è stata netta - sostiene il presidente dell'associazione Comuni del Moscato, Alessio Monti - si è assolutamente contrari a questa idea che il Comune di Asti ha rispolverato".
    Secondo l'associazione "se si vogliono cercare delle motivazioni, si possono ricordare quelle già espresse nel tempo passato" quando la querelle era stata accesa. "Esiste una difesa delle regole, dei giusti principi e dei caratteri storici e colturali che identificano l'attuale territorio di produzione - prosegue - si tratta di difendere i diritti e il lavoro dei produttori dei 51 Comuni delle province di Alessandria, Asti e Cuneo che oggi fanno parte del disciplinare, anche contro una eventuale non voluta estensione di produzione". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie