Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Home

Il diario di @astroSamantha

Iniziano i controlli alla vista per l'astronauta Samantha Cristoforetti (fonte: ESA/NASA)

Iniziano i controlli alla vista per Samantha Cristoforetti, che con compagni di equipaggio si presta ad una serie di esami per capire le cause delle alterazioni della vista accusate in passato da diversi astronauti impegnati in missioni di lunga durata

Orsi e lupi tornano a popolare tutta l'Europa

Lupi in Slovenia (fonte: Miha Krofel)

I grandi carnivori stanno tornando a popolare tutta l'Europa: orsi bruni, lupi, linci stanno tornando ovunque nel vecchio continente occupando gli spazi lasciati liberi dal trasferimento progressivo della popolazione nelle città

Rosetta superstar, avvenimento scientifico dell’anno

Rappresentazione artistica della sonda Rosetta con il lander Philae (fonte: DLR)

La missione Rosetta è l'avvenimento scientifico dell'anno. Fra le più straordinarie imprese spaziali, confrontabile solo allo sbarco sulla Luna, la prima missione mai atterrata su una cometa apre le classifiche stilate dalle riviste Nature, Science e Physics World

Rinviato a gennaio il lancio di Dragon

Rinviato a gennaio il lancio della capsula Dragon, della società Space X

Non avverrà prima del 6 gennaio 2015, il lancio della capsula cargo Dragon con i rifornimenti destinati alla Stazione spaziale internazionale (Iss). Lo annunciano la Nasa e Space X, la società privata che gestisce il lancio per conto dell'Agenzia spaziale statunitense

Corte Ue, l'ovulo umano non fecondato è brevettabile

Sì della Corte Ue ai brevetti degli ovociti non fecondati

Un ovulo umano manipolato ma non fecondato può essere brevettato a fini industriali. Lo ha stabilito la Corte di giustizia Ue distinguendo il caso dell'ovulo che conserva la capacità di svilupparsi in essere umano e quello manipolato per mezzo della partenogenesi.

Con il microscopio a ologrammi le malattie si studiano in 3D

Gli ologrammi vengono proiettati sul sensore di immagine e poi ricostruiti digitalmente in 3D (fonte: UCLA Nano and Bio-Photonics Lab)

Le malattie si studiano in 3D grazie alla nuova generazione di microscopi che usano gli ologrammi al posto delle lenti. L esemplare, realizzato dai ricercatori dell'università della California a Los Angeles, è dotato di un campo visivo che è addirittura 100 volte maggiore rispetto ai tradizionali microscopi ottici