Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Spazio & Astronomia > Rosetta, ossigeno molecolare sulla cometa

Rosetta, ossigeno molecolare sulla cometa

Scoperta che aiuta a capire la formazione del Sistema Solare

29 ottobre, 14:05
Scoperto ossigeno molecolare nella 'coda' della cometa 67/P (fonte: ESA/Rosetta/NAVCAM) Scoperto ossigeno molecolare nella 'coda' della cometa 67/P (fonte: ESA/Rosetta/NAVCAM)

C'è ossigeno molecolare nei vapori della chioma della cometa 67P/Churyumov–Gerasimenko. Lo hanno scoperto gli strumenti della sonda europea Rosetta ed è la prima volta che questa forma di ossigeno viene individuata in un corpo celeste primitivo come una cometa. E' una scoperta importante perchè potrebbe aiutare a capire come si è formato il Sistema Solare.

Pubblicata sulla rivista Nature, la scoperta si deve al gruppo coordinato da André Bieler, dell'università americana del Michigan, ed è stata possibile grazie ai dati dello spettrometro Rosina,attivo sulla sonda dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa).

Avere trovato ossigno molecolare su una cometa è stata una sorpresa perché nessuno dei modelli che descrivono la formazione del Sistema Solare aveva finora previsto questo 'ingrediente'. ''E' la prima prova che l'ossigeno molecolare era presente nella nube primordiale da cui si è formato il Sistema Solare'', rileva John Robert Brucato, dell'Osservatorio di Arcetri, dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf).

L'ossigeno molecolare è una molecola composta da due atomi di ossigeno. A differenza di quello presente sulla Terra, che è stato prodotto dai batteri, l'ossigeno molecolare che si trova nello spazio è il risultato di processi chimici. Averlo scoperto in una cometa ''aiuta a comprendere come era fatta la nebulosa che ha dato origine al sistema solare'', rileva Alessandra Rotundi, dell'università Parthenope a Napoli e dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), responsabile scientifica di un altro degli strumenti di Rosetta, Giada. La scoperta, osserva, indica inoltre che ''l'ossigeno molecolare è rimasto intrappolato nel ghiaccio oltre la 'linea della neve', ossia oltre la regione dei pianeti esterni del Sistema Solare, dove si sono formate le comete''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA