Enti locali: Morgex, inaugurato Parco della lettura

Attività per famiglie e classi con vista sul Monte Bianco

(ANSA) - AOSTA, 12 SET - E' stato inaugurato il Parco della lettura di Morgex. Sorge tra la Dora Baltea e la stazione ferroviaria ed è accessibile a tutti: ai bimbi italiani e agli stranieri, a quelli abili e a quelli con disabilità, non solo motorie ma anche sensoriali. Ospita angoli tranquilli per immergersi nella lettura in un contesto naturalistico e quattro innovative postazioni di gioco, che consentono di imparare parole nuove e avvicinarsi al mondo dei libri: una casetta sull'albero e un grande vagone ferroviario 'per viaggiare con la fantasia'; una piazza sospesa sull'acqua da cui godere di una vista panoramica sul Monte Bianco; una piccola arena in cui condividere storie, musiche e spettacoli.
    "Il Comune di Morgex è l'unico, in Valle d'Aosta, a essere stato inserito nel nostro elenco 'Città che legge' e ritengo che questo parco debba diventare esempio per altre realtà impegnate nel favorire la lettura, soprattutto da parte delle giovani generazioni", ha detto Maria Greco, rappresentante del Cepell (Centro per il libro e la lettura). Il parco è inserito nel Progetto 'Famille à la montagne entre nature et culture', cofinanziato dal Programma Interreg V-A Italia-Francia 2014/2020, che vede quale capofila il Comune di Morgex e quali partner la Struttura Arre protette della Regione autonoma Valle d'Aosta e il Comune francese di Le Grand Bornand. Aveva ottenuto un finanziamento iniziale di 1,7 milioni di euro e il Comune di Morgex ha voluto incrementare la dotazione per inserirvi una serie di migliorie, dalla segnaletica agli arredi, "nella convinzione di contribuire alla crescita culturale di una comunità", ha spiegato Marcello Dondeynaz, coordinatore del progetto. "Vi sono ruote di parole, un gioco dell'oca, una casetta sull'albero che hanno, tutti, la funzione di proporre le parole del libro-guida (che cambierà ogni sei mesi) e invitare i bambini a inventare con esse le loro storie. La fruizione può essere individuale o di classe e, proprio per questo, una struttura simile a un vagone ferroviario potrà essere utilizzata come aula alternativa e all'aria aperta", ha detto Giulia Radin, direttore della Fondazione Sapegno. Le prime iniziative sono previste dal 19 al 27 settembre. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030



        Modifica consenso Cookie