Baia, un documentario sui restauri del Parco archeologico

In onda stasera su Rai 5

23 aprile, 16:00

(ANSAmed) - ROMA, 23 APR - Andrà in onda stasera in prima serata su Rai 5 il film documentario "Baia - I restauri del Parco Archeologico sommerso", scritto e diretto da Marcello Adamo con la collaborazione ai testi di Andrea Branchi.

Il documentario, della durata di 52 minuti, prodotto da GA&A Productions e Filmare Entertainment in collaborazione con Rai Cultura, è realizzato grazie alla sinergia con l'Istituto Centrale per il Restauro, il Parco archeologico dei Campi Flegrei e il CNR.

Dalla cooperazione tra enti e istituti nasce l'ambizioso progetto della campagna di restauro permanente, della quale il documentario racconta alcune fasi. Le straordinarie ed emozionanti riprese subacquee documentano l'intervento del team multidisciplinare di tecnici, scienziati e ricercatori ai quali è affidato l'arduo compito di preservare attraverso tecniche pionieristiche i reperti custoditi in fondo al mare.

Si tratta di un lavoro unico al mondo, al quale sono rivolte le attenzioni della comunità scientifica internazionale oltre a quelle di milioni di appassionati.

La delicatissima campagna di restauro a Baia rappresenta il cuore del film, che mira a mostrare la complessità di un intervento di risanamento di un'area archeologica sommersa ma anche a ipotizzare, partendo da alcuni rilievi topografici subacquei, come doveva presentarsi Baia nel momento del suo massimo splendore. Attraverso l'uso della computer grafica, dopo un lungo lavoro di ricostruzione che si è avvalso della consulenza di Gennaro di Fraia , il documentario offre un'immagine viva e vitale di Baia, della quale scopriamo le ville e l'affaccio sul mare che ne facevano un rifugio dall'austera e frenetica vita della capitale per gli imperatori e i romani facoltosi.

Spiega Gennaro Di Fraia, archeologo: "Il documentario restituisce per la prima volta il vero volto di Baia sommersa.

Le immagini realizzate compongono un superbo affresco di come fosse Baia all'apice del proprio splendore, offrendo un quadro memorabile della città termale prediletta dagli imperatori romani." Per Fabio Pagano, Direttore del Parco archeologico dei Campi Fregrei "il Parco archeologico dei Campi Flegrei si conferma, in questo documentario, come il Parco della Ricerca, in primis archeologica, ma anche in tecnologie, nel restauro, nella geologia. Il contesto dei Campi Flegrei è certamente un attrattore per studiosi che, relazionandosi fra loro, ci permettono di sviscerare infiniti aspetti del mondo antico, ma anche i riflessi che di esso si riverberano sul paesaggio contemporaneo". (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo