Noa, prossima sfida, 'vorrei improvvisare le liriche'

Cantante in tour in Italia con nuovo album 'Afterallogy'

25 agosto, 11:33

(di Patrizio Nissirio)

ROMA - Non è possibile fermare Noa e la sua esplosiva creatività, non c'è riuscita neanche la pandemia e il conseguente lockdown: in quei mesi di chiusura ha registrato insieme al suo storico partner musicale Gil Dor l'album 'Afterallogy', in cui si addentra in grandi classici jazz americani. E appena è stato possibile ha ripreso la sua instancabile attività dal vivo - con una lunga tournee italiana, lunedì era a Roma, stasera al Roccella jazz Festival - con un progetto futuro che già la affascina: "Vorrei iniziare ad improvvisare le liriche, in modo spontaneo, non come col jazz, dove si improvvisa su accordi e ritmo stabiliti, ma con una completa spontaneità. Mi sembra il modo più adatto a reagire a quel che succede attorno a noi".

"Ho avuto un anno di Covid interessante - racconta ad ANSAmed - , a parte registrare 'Afterallogy', dopo molto tempo ho avuto l'occasione di passare del tempo con i miei figli. Ho anche fatto qualcosa per l'Italia, in particolare per Bergamo, dei concerti in streaming da casa per aiutare gli ospedali, abbiamo raccolto un sacco di soldi". La musicista israeliana, in questo tour propone innanzitutto l'ultimo album, ma fa anche incursioni nel suo vasto repertorio - la sua carriera ha ormai 31 anni - con un occhio di riguardo per la canzone napoletana (cui nel 2011 ha dedicato l'album Noapolis), proponendo perle come 'Era de Maggio' o 'Alla fiera di Mast'André'.

"Adoro la canzone napoletana, feci quell'album perché il mondo la considera solo divertente, invece è musica straordinaria che dovrebbe essere meglio conosciuta. Io per esempio amo moltissimo le villanelle (antico genere di musica popolare inizialmente solo vocale nata a Napoli, ndr) Il pubblico è impazzito. E poi naturalmente 'Beautiful That Way', da 'La vita è bella'. A Roma mi è venuto a salutare Nicola Piovani, grande musicista e mio grande amico e mi ha suggerito una traduzione per 'Afterallogy', 'Dopologia', che mi sembra bellissima". Un'amicizia ma anche una collaborazione artistica: nel 2004 i due esibirono insieme in uno storico concerto a Delos, isola greca disabitata dall'antichità, vicino Mykonos, portando in scena 'L'isola della luce', scritta da Piovani con testi di Vincenzo Cerami.

Noa, nel corso della sua carriera, ha suonato e cantato ovunque nel mondo, davanti a tante nazionalità diverse, e tiene moltissimo a comunicare con gli spettatori anche oltre la musica. "Il mio italiano non è perfetto - dice - ma mi sono fatta aiutare per dire delle cose in italiano durante il concerto, credo questo crei un legame speciale con le persone, sentirsi parlare nella propria lingua". Dopo il tour una pausa a casa in Israele per riposarsi un po'? Non fa per Noa: "Penso di registrare un nuovo album nei prossimi due mesi", risponde.

(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo