Procida 2022: tre fotografi raccontano l'inquinamento marino

Dal 4 agosto percorso espositivo sul molo di Marina Chiaiolella

01 agosto, 14:43

(ANSAmed) - NAPOLI, 01 AGO - C'è una medusa che cattura l'involucro di un cioccolatino. Un'altra fa lo stesso con un cotton fioc. Un polpo che gioca con un pallone da calcio, una seppia - incuriosita - fa lo stesso con un profilattico. E c'è poi lo scatto iconico del periodo della pandemia: un cavalluccio marino che si aggrappa a una mascherina monouso. Il rapporto tra gli organismi marini e i rifiuti ispira una mostra fotografica di impatto straordinario, "Watersurface", nell'ambito del programma culturale di Procida Capitale Italiana della Cultura 2022.

Da giovedì 4 agosto (opening ore 19.00) e fino al 31 dicembre, gli scatti di tre fotografi subacquei di fama internazionale - Nicholas Samaras, Pasquale Vassallo e Guido Villani - lanciano, attraverso un percorso espositivo sul molo di Marina Chiaiolella, a Procida - un appello per la lotta contro l'inquinamento da plastica che attanaglia i mari e gli oceani di tutto il mondo.

"Entro il 2025 gli oceani conterranno una tonnellata di plastica ogni tre tonnellate di pesce ed entro il 2050 ci sarà più plastica che pesce - spiega in una nota Agostino Riitano, direttore di Procida 2022 -. Nell'Oceano Pacifico, tra la California e le Hawaii, galleggia un'isola di plastica di 1,6 milioni di km2, più di 400.000 volte la superficie dell'isola di Procida. Il Mediterraneo, secondo la ricerca 'Beach Litter' di Legambiente, ha per ogni 100 metri lineari di costa circa 670 rifiuti. La plastica rappresenta il 95% dei rifiuti in mare aperto: 134 specie tra pesci, uccelli, tartarughe e mammiferi marini, sono vittime dell'ingestione di plastica. Con questa grande mostra fotografica, che ben si sposa con il senso del nostro dossier, lanciamo così un messaggio forte e chiaro per la salvaguardia degli ecosistemi marini e dell'intero pianeta".

(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati