Generali: Nagel, superare fase di antagonismo e collaborare (2)

11 maggio, 14:53

(ANSA) - MILANO, 11 MAG - Partendo da Generali, in risposta a una domanda sullo scenario tratteggiato dal Sole 24 Ore per un'uscita dal capitale del Leone, secondo Nagel "La prima valutazione è che l'assemblea di Generali ha permesso l'elezione di un cda con un sistema che è il più invalso a livello internazionale. E' un fatto positivo per la compagnia: ora ha un governance competitiva coi suoi peers e che per definizione dà un maggior grado di indipendenza alla compagnia. Mediobanca in questo quadro, per favorire questo percorso, ha rinunciato a proporre una sua lista e ha appoggiato insieme al mercato quella del consiglio. La conseguenza è che Mediobanca continuerà a consolidare Generali a patrimonio netto e avere quindi il contributo che ha sempre avuto. Questo è il secondo fatto positivo", ha proseguito il banchiere.

Sempre riguardo al Leone Nagel ha aggiunto che "E' necessario superare la fase di antagonismo e entrare in una fase di più stretta collaborazione per il bene della compagnia e per tutti gli attori. E credo che ci sarà l'impegno di tutti, sicuramente da parte nostra, nel farlo e anche la ragionevole aspettativa che si possa fare perché con tutti gli altri attori questo tipo di interazione è stata negli anni precedenti. Per tanti anni, per 10 anni, la sintesi a livello di consiglio di amministrazione della compagnia è stata possibile quindi la mia ragionevole aspettativa, ma anche il nostro impegno, sarà che questo possa essere anche in futuro". (ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo