Al via a Roma Pitigliani Kolno'a Festival su Israele ed Ebraismo

Fra i film documentario su vita e opere di David Grossmann

27 giugno, 15:06

ROMA - Al via da oggi il Pitigliani Kolno'a Festival - Ebraismo e Israele nel Cinema, giunto alla XV edizione. L'evento è dedicato alla cinematografia israeliana e di argomento ebraico e si tiene oggi e domani alla Casa del Cinema, mercoledì 29 giugno presso Scena - il cinema lungo il Tevere, mentre la serata di chiusura, giovedì 30 giugno, sarà al Centro Ebraico Italiano Il Pitigliani. Prodotto da quest'ultimo e diretto da Ariela Piattelli e Lirit Mash, il PKF 2022 propone un variegato assaggio dell'ultima produzione israeliana.

Ad aprire il festival, stasera alle 21.30, la proiezione di 'Image of Victory', ultimo lungometraggio di Avi Nesher, regista, produttore, sceneggiatore e attore israeliano già omaggiato dal PKF con il Premio alla Carriera nel 2018 e che si collegherà via Zoom per un saluto. Interpretato da Joy Rieger, Amir Khoury, Ala Dakka ed Eliana Tidhar e nominato a 15 categorie dei Premi Ophir tra cui Miglior Film, 'Image of Victory' è un affresco storico che racconta gli esaltanti e drammatici momenti della nascita di Israele.

Domani, martedì 28 giugno e sempre alla Casa del Cinema, in Sala Deluxe ci sarà alle ore 20.00 la proiezione di 'Grossman', diretto da Adi Arbel, documentario incentrato sullo scrittore David Grossman in cui l'autore svela la delicata e complessa relazione che lega le sue vicende personali e i suoi romanzi. La serata continua all'aperto alle 21.30, all'Arena della Casa del Cinema, con la proiezione del film 'Plan A', diretto a quattro mani da Yoav e Doron Paz. Il lungometraggio è basato sulla storia vera dei 'Vendicatori', gruppo di vigilanti ebrei, uomini e donne, che dopo essere sopravvissuti alla Shoah giurano di vendicare la morte dei propri cari infiltrandosi nelle aziende idriche tedesche come ingegneri sotto copertura per avvelenare l'acqua potabile di cinque città in Germania.

Il PKF 2022 abbraccia anche la letteratura con la presentazione del libro 'Nazisti a Cinecittà' (edito da Nutrimenti), alla presenza dell'autore Mario Tedeschini Lalli, mercoledì 29 giugno alle 20.00 a Scena - il cinema lungo il Tevere (Banchina Lungotevere Ripa, presso Ponte Sublicio). A seguire, alle 21.30, la replica del documentario 'Grossman'.

Giovedì 30 giugno, il PKF 2022 si chiuderà alle 21.30 con la proiezione al Centro Ebraico Italiano Il Pitigliani (Via dell'Arco De' Tolomei, 1) del lungometraggio 'Golden voices - Voci d'oro' diretto da Evgeny Ruman e interpretato da Maria Belkin, Vladimir Friedman, Evelin Hagoel, Uri Klauzner e Elizabeth Kon. Il film parla di Victor e Raya Frenkel, per decenni voci d'oro del doppiaggio sovietico. Nel 1990, con il crollo dell'Unione Sovietica, i Frenkel decidono di immigrare in Israele, in cui non c'è alcun bisogno di doppiatori in lingua russa, e i loro tentativi di usare il proprio talento causerà eventi bizzarri e inaspettati.

Il PKF 2022 è realizzato con il contributo dell'Ambasciata di Israele in Italia, della Fondazione Museo della Shoah e dalla Regione Lazio, in collaborazione con la Casa del Cinema e Scena, il cinema lungo il Tevere. Il festival è a ingresso gratuito fino a esaurimento posti, ma è possibile prenotare scrivendo a eventi@pitigliani.it.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati