Sos biodiversità in Italia, a rischio grifoni e delfini

Legambiente, da noi il 33% delle specie presenti in Europa

03 marzo, 14:20

(ANSAmed) - ROMA, 3 MAR - Nonostante l'Italia ospiti circa la metà delle specie vegetali e circa un terzo di tutte le specie animali attualmente presenti in Europa, la sua biodiversità sta diminuendo a causa della perdita di habitat, della crisi climatica, dell'inquinamento diffuso, dell'eccessivo sfruttamento delle riscorse, dall'attività antropica e dai crescenti impatti delle specie aliene invasive. A disegnare il quadro dello stato dell'arte ci pensa il nuovo rapporto di Legambiente dedicato alla fauna selvatica e lanciato oggi nella Giornata mondiale ad essa dedicata.

"Occorre tutelare di più la fauna a rischio del Paese risolvendo i conflitti tra le istituzioni - rileva l'associazione - incrementando le risorse economiche e istituendo le aree protette marine e terrestri a partire da quelle già previste". Nel documento si analizzano 12 specie a rischio e di elevato valore, tra cui il grifone, la trota mediterranea, il tritone crestato italiano, la lontra, l'orso bruno marsicano, il lupo e il camoscio appenninico, le farfalle e gli impollinatori, gli squali, i delfini e la tartaruga Caretta caretta.

Tra le proposte di Legambiente è "importante prima di tutto incrementare entro il 2030 le aree protette e le zone di tutela integrale; migliorare la gestione della biodiversità e il capitale naturale, migliorare la gestione della Rete Natura 2000 e definire i Piani d'azione per le specie faunistiche a rischio e per ogni area protetta completando, per esempio, il Piano di conservazione e gestione nazionale del lupo, rafforzando le strategie per la tutela dell'orso bruno, e aggiornando il Piano d'azione del camoscio appenninico".

La situazione della fauna selvatica - prosegue Legambiente - è "nel complesso delicata e preoccupante come sottolineano anche diversi studi scientifici e gli stessi dati delle Liste Rosse italiane, realizzate dal Comitato italiano dell'Unione mondiale per la conservazione della natura e dal Ministero dell'Ambiente.

L'Ue ha ricordato che la fauna selvatica del Pianeta si è ridotta del 60% negli ultimi 40 anni e un milione di specie rischiano addirittura l'estinzione; la perdita di biodiversità e la crisi climatica sono interdipendenti". Per questo "per raggiungere i livelli di mitigazione necessari entro il 2030 è essenziale ripristinare le foreste, i suoli e le zone umide e creare spazi verdi principalmente nelle città".

(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo