Agricoltura: idroponica riduce 80% consumo acqua irrigazione

A Tunisi conferenza di progetto 'Intesa' Italia-Tunisia

04 novembre, 11:32

(ANSA) - TUNISI, 04 NOV - Le tecnica dell'idroponica (coltivazione fuori suolo) adottata nell'ambito del progetto di cooperazione italo-tunisino Intesa, può ridurre dell'80% l'utilizzo di acqua per l'irrigazione, rispetto all'agricoltura tradizionale e del 90% l'utilizzo di fertilizzanti chimici. Lo ha affermato il consigliere Presidente dell'Unione tunisina dell'agricoltura e della pesca (Utap) e coordinatore del progetto, Bayrem Hamada, in occasione della conferenza internazionale a Tunisi, intitolata "Le sfide dell'agricoltura sostenibile nel Mediterraneo attraverso il progetto Intesa", precisando che il Progetto INTESA (Innovation in technologies to support Sustainable Development of agribusiness), cofinanziato dall'Ue nell'ambito del programma ENI di cooperazione transfrontaliera Italia Tunisia 2014-2020, consentirà di limitare il costi della produzione agricola, come l'acquisto dei fertilizzanti, di aumentare la produzione e promuovere la produzione di prodotti agricoli senza l'utilizzo di metalli pesanti.

Il progetto mira anche a supportare pratiche alternative al fine di promuovere un'agricoltura sostenibile e innovativa in mezzo a una significativa crescita della popolazione in Tunisia e nel mondo, le mutevoli esigenze di consumo e la scarsità di risorse idriche a causa del cambiamento climatico. Hamada ha sottolineato l'importanza di cambiare la mentalità degli agricoltori tunisini che devono comprendere i benefici dell'agricoltura idroponica, soprattutto visto le difficoltà incontrate dalle colture tradizionali e la loro elevata esposizione alle malattie trasmesse attraverso il suolo e la scarsità di acqua e fertilizzanti. Hamada ha anche invitato lo Stato tunisino a riconoscere queste pratiche agricole, a mobilitare linee di finanziamento bancario e fornire il supporto necessario agli agricoltori specializzati in questo tipo di colture. Il direttore dell'Unione Regionale dell'Agricoltura e della Pesca di Nabeul ed esperto di coltura idroponica, Slim Zouari ha sottolineato la necessità di adottare colture fuori suolo nelle aree urbane e non solo nelle aree agricole, in modo che i cittadini possano coprire parte del loro fabbisogno con ortaggi a foglia e frutti, utilizzando piccole aree, affermando che la coltivazione tradizionale utilizza 400 kg di acqua per produrre un kg di ortaggi, mentre la coltivazione fuori suolo utilizza solo il 20% di questa quantità di acqua per produrre la stessa quantità di ortaggi, il che aiuta ad adattarsi ai cambiamenti climatici. Dal canto suo, Mohamed Amine Mechichi, agricoltore specializzato in coltivazione fuori suolo a Soliman (Nabeul), ha affermato che questa tecnica permette alla pianta di attingere facilmente il proprio fabbisogno idrico, senza degradare il terreno limitando l'uso di macchine agricole per arare e seminare la terra e l'uso di pesticidi. Mechichi, che ha lanciato il suo progetto nel 2019, ha affermato che l'uso della coltivazione fuori suolo gli consente di produrre una tonnellata di basilico al mese su una superficie non superiore a 500 m2, mentre la coltivazione tradizionale richiede un terreno di almeno un ettaro per produrre la stessa quantità di basilico. Ha aggiunto che la produzione mensile di basilico consuma solo 10 m3 di acqua/mese, un costo mensile di 2 dinari. Ha chiesto l'integrazione delle attrezzature necessarie per l'agricoltura idroponica (principalmente attrezzature di plastica) nell'elenco delle attrezzature agricole per limitare i costi di importazione e rimuovere le barriere doganali e finanziarie che gli agricoltori specializzati in queste colture devono affrontare.

Diverse sperimentazioni nella produzione di pomodori e ortaggi a foglia fuori terra sono state condotte nel sud Italia e in Tunisia, nell'ambito del progetto Intesa, che proseguirà fino a giugno 2023.

"Intesa" prevede anche, nel prossimo periodo, sessioni di formazione per agricoltori, studenti delle scuole agrarie e giovani imprenditori, nonché iniziative di laboratori viventi a Tunisi e Sfax e studi di mercato per questo tipo di colture.

(ANSAmed) (ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati