Pietre contro peschereccio Mazara da motopesca turco

In acque internazionali tra la Siria e la Turchia

11 maggio, 16:04

PALERMO - Un peschereccio della flotta di Mazara del vallo, il "Michele Giacalone", è stato assaltato da un altro motopesca turco mentre si trovava in acque internazionali, tra la Siria e la Turchia, a 27 miglia dalle coste turche. La notizia è stata confermata all'ANSA dall'armatore Luciano Giacalone che si è recato in Capitaneria di Porto per denunciare il lancio di pietre e altri oggetti contro il peschereccio mazarese.
"L'Unione Europea ci dica, una volta e per tutte, dove dobbiamo andare a pescare. Siamo rovinati", ha detto Giacalone mentre secondo Mimmo Asaro, Presidente di Federpesca a Mazara del Vallo, "è una situazione oramai insostenibile. Chi di dovere affronti la questione della sicurezza in mare per noi pescatori".
Il motopesca 'Michele Giacalone' si trova in acque internazionali, a 27 miglia dalle coste turche. Lo scorso 3 maggio lo stesso era stato mitragliato dalla Guardia Costiera libica mentre si trovava nelle acque riconosciute dalla Libia come "zona esclusiva di pesca". Dopo quell'abbordaggio, il motopesca si è spostato verso la Grecia, raggiungendo la zona di mare compresa tra Turchia e Siria.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo