Oim, rimpatri triplicati in Libia, preoccupano gli abusi

'Detenzioni arbitrarie, estorsioni, sparizioni e tortura'

14 luglio, 14:09

(ANSAmed) - GINEVRA, 14 LUG - Più di 15.300 migranti sono stati rimpatriati in Libia nei primi sei mesi del 2021, quasi tre volte di più rispetto allo stesso periodo del 2020 (5.476).

Lo ha reso noto l'Oim nel suo ultimo rapporto definendo questa situazione "preoccupante, dato che i migranti che vengono rimpatriati in Libia sono soggetti a detenzioni arbitrarie, estorsioni, sparizioni e atti di tortura". Il rapporto mostra un aumento per il secondo anno consecutivo delle operazioni marittime da parte degli Stati nordafricani lungo la rotta del Mediterraneo centrale. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo