Convegno Copeam lancia idea ateneo audiovisivo Mediterraneo

Su religione e cultura enfasi ruolo autorità statali contro odio

28 ottobre, 17:00

(ANSAmed) - NAPOLI, 28 OTT - La creazione di un'università dell'audiovisivo mediterranea è una delle proposte concrete emerse dalla 28ma Conferenza della COPEAM (Conferenza Permanente dell'Audiovisivo Mediterraneo), dedicata a "La narrazione dei media in favore del dialogo interculturale e interreligioso". A lanciarla è stata José M. Pérez Tornero, presidente della radiotelevisione spagnola nel corso dell'evento organizzata in collaborazione con la Rai-Radiotelevisione Italiana e inaugurato dal saluto di benvenuto della presidente della Rai, Marinella Soldi, un videomessaggio di Gabriela Ramos, Vicedirettrice Generale UNESCO per le Scienze umane e sociali. Professionisti del settore audiovisivo e delegati internazionali provenienti da tutta la regione mediterranea hanno assistito ai lavori, che si sono svolti online a causa dell'attuale emergenza sanitaria.

Nella sessione moderata dalla giornalista di RaiNews24 Marina Lalović, i principali relatori intervenuti da Italia, Serbia e Tunisia hanno evidenziato da un lato i problemi relativi all'analfabetismo religioso e culturale e dall'altro quali soluzioni dovrebbero essere messe in atto dai media per rendere più efficace il dialogo in questo campo, tra cui l'opportunità di approfondire la questione interculturale e interreligiosa non solo nei momenti di crisi ma anche nei palinsesti ordinari.

Particolare enfasi, inoltre, è stata posta sull'importante ruolo delle autorità nazionali garanti, nella lotta contro i discorsi che incitano all'odio e alla violenza.

Una sessione dedicata a modelli positivi di narrazione del dialogo interculturale o interreligioso si è svolta nel pomeriggio, con la presentazione di alcuni programmi televisivi proposti da Rai e da emittenti pubbliche di altri paesi come France Télévisions (Francia) e PakaPaka TV (Argentina). Si è dato altresì spazio alla presentazione di iniziative a favore dell'interculturalità promosse dall'UNESCO, dall'Unione Europea di Radiotelevisione (UER) e dall'Unione per il Mediterraneo (UpM), come la Giornata Mondiale della Diversità Culturale per il Dialogo e lo Sviluppo e la Giornata del Mediterraneo, che sarà celebrata per la prima volta il 28 novembre prossimo.

(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo