Migranti: Frontex, arrivi +70% in Ue, +91% nel Med centrale

A ottobre sviluppo significativo numeri da Turchia verso Italia

23 novembre, 15:45

(ANSAmed) - BRUXELLES, 23 NOV - Gli arrivi dei migranti nella Ue nei primi dieci mesi del 2021 sono saliti di quasi il 70% rispetto allo stesso periodo del 2020, a quota 160mila, e del 45% sul 2019. Nel solo ottobre ne sono stati registrati quasi 22.800, il 30% in più dell'ottobre 2020 quando erano in vigore le restrizioni anti-Covid, e il 18% in più rispetto allo stesso mese del 2019 (periodo pre-pandemia).

Sono i calcoli preliminari di Frontex. Gli aumenti più significativi si sono avuti sulla rotta dei Balcani occidentali e orientali, e nel Mediterraneo centrale (Italia e Malta). Tra gennaio e ottobre, nel Mediterraneo centrale vengono riportati 55mila arrivi, il 91% in più rispetto lo stesso periodo dello scorso anno. Solo ad ottobre, ne sono stati segnalati 6.240, l'85% in più rispetto al 2020, e il 186% in più rispetto al 2019. In particolare viene indicato come "sviluppo significativo ad ottobre" il numero di arrivi di migranti dalla Turchia verso l'Italia, via mare. Ad arrivare sono stati soprattutto cittadini di Tunisia, Bangladesh e Egitto. In particolare, gli egiziani sono la terza nazionalità, e arrivano in larga parte dalla Libia. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo