Rifugiati: Intersos, si chiude la 4/a edizione di PartecipAzione

Con un evento che si terrà il 3 e 4 dicembre a Roma

30 novembre, 18:12

Rifugiati e richiedenti asilo portano le uova di cioccolato ai bambini dei quartieri Spagnoli e del rione Sanità a Napoli nell'ambito del programma PartecipAzione Rifugiati e richiedenti asilo portano le uova di cioccolato ai bambini dei quartieri Spagnoli e del rione Sanità a Napoli nell'ambito del programma PartecipAzione

ROMA - Intersos e Unhcr Italia chiudono la quarta edizione del programma "PartecipAzione - azioni per la protezione e la partecipazione dei rifugiati", con un evento in cui si discuterà, il 3 e 4 dicembre a Roma, alcune fra le tematiche più attuali in ambito di integrazione dei rifugiati, attraverso un confronto sul ruolo che le persone rifugiate e le loro associazioni hanno in società.

L'evento si tiene al Mattatoio di Testaccio e prevede dibattiti, workshop e iniziative culturali che accompagneranno i partecipanti attraverso i risultati del programma, i progetti realizzati, le associazioni e le persone rifugiate protagoniste di PartecipAzione.

In particolare, venerdì 3 dicembre, giornata aperta al pubblico, è prevista una tavola rotonda sul tema "La partecipazione delle persone rifugiate in Italia: una chiave per l'integrazione" a cui parteciperanno: Fabrizio Barca, Coordinatore, Forum Disuguaglianze e Diversità; Carlo Borgomeo, Presidente, Fondazione con il Sud; Giovanna Castagna, Responsabile programmi, Open Society Initiative for Europe; Ana de Vega, Responsabile Protezione Senior, UNHCR; Mara Di Lullo, Prefetto, Dipartimento per le libertà civili e l'immigrazione del Ministero dell'Interno e Yagoub Kibeida, Direttore, Associazione Mosaico - azioni per i rifugiati. Alla due giorni parteciperanno anche Chiara Cardoletti, Rappresentante UNHCR per l'Italia, la Santa Sede e San Marino, Kostas Moschochoritis, Direttore Generale di INTERSOS, e Cesare Fermi, Responsabile dell'Unità migrazione di INTERSOS. "Il programma PartecipAzione - ha ricordato Cardoletti - è un esempio innovativo e creativo di coinvolgimento delle comunità di rifugiati, che dimostra come chi fugge dal suo paese, a causa di guerre e persecuzioni, porti un valore aggiunto per le società, le comunità e l'economia dei Paesi di asilo.

PartecipAzione intende promuovere e valorizzare la voce, le risorse, le iniziative di quei rifugiati che spesso rimangono più ai margini, anche all'interno delle loro comunità: i giovani, le donne, le persone LGBTQI+. È cruciale che ai rifugiati venga offerta l'opportunità di divenire soggetti attivi della società affinche' possano partecipare ai processi decisionali che li riguardano".

"Questa quarta edizione del programma PartecipAzione - ha dichiarato Cesare Fermi - ha consolidato i risultati positivi ottenuti nelle passate edizioni. Sono diversi gli esempi di associazioni di rifugiati per cui PartecipAzione ha rappresentato un trampolino di lancio per un ruolo attivo nella società italiana, accreditandosi come interlocutori credibili presso istituzioni locali, nazionali e internazionali.
Nonostante la pandemia e la crisi economica provocata da quest'ultima, il programma è riuscito anche quest'anno ad espandersi in nuove realtà italiane, con una particolare attenzione verso i centri urbani di medie e piccole dimensioni".

All'evento finale saranno presenti rappresentanti delle 7 associazioni vincitrici dell'edizione 2021 di PartecipAzione: C.U.C.I.R.E. (Palermo), Fuori Mercato (Campobello di Mazara, TP), Il Faro del Borgo (Borgo Mezzanone, FG), Circolo Culturale Arci RadioAttiva (Carrara), Sotto il Baobab (Canelli, AT), Smiling Coast of Africa (Brindisi) e le associazioni Genitori Scuola Di Donato/Rifugiati Sudanesi di Via Scorticabove (Roma).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati