Intellettuale legata a Italia nel prestigioso Institut d'Egypte

Coronamento di carriera per ex direttrice dell'Accademia a Roma

10 giugno, 10:21

(ANSAmed) - IL CAIRO, 10 GIU - La deputata ed egittologa Gihane Zaki, uno degli intellettuali egiziani più legati all'Italia, entrata a far parte dell' "Institut d'Égypte" del Cairo, una storica accademia che rappresenta un punto di arrivo e un sogno per ogni ricercatore e scienziato in Egitto.

La circostanza, già segnalata questo mese da media locali, è stata sottolineata ad ANSAmed da una fonte egiziana che segue gli sviluppi delle relazioni culturali fra i due Paesi.

Gihane (in Egitto e nei Paesi arabi il nome prevale sul patronimico) era stata Direttrice dell'Accademia d'Egitto a Roma dal 2012 al 2019 e attualmente è componente Centro internazionale di studi per la conservazione e il restauro dei beni culturali (Iccrom) con sede sempre nella capitale. La studiosa, al contempo, è ricercatrice presso il Laboratorio di egittologia del Cnrs della Sorbona di Parigi.

L'Institut d'Égypte del Cairo è attivo da 224 anni ed è la più antica istituzione scientifica egiziana composta da studiosi egiziani e stranieri che hanno avuto il maggiore impatto sulla scena scientifica ed accademica internazionale. L'appartenenza all'Institut è a vita.

Fondato da Napoleone Bonaparte nel 1798, l'anno dell'invasione francese dell'Egitto e della Siria, l'istituto era nato per fungere da accademia di ricerca scientifica sul stesso modello dell'Institute de France. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati