Ue-Tunisia: via a secondo round negoziati Accordo Aleca

Bercero, 'importante opportunità per rafforzare partenariato'

28 maggio, 18:50

(ANSAmed) - TUNISI, 28 MAG - Ha preso il via oggi, presso la segreteria del governo tunisino, il secondo round di trattative per la definizione dell'Accordo di Scambio Libero e Approfondito (Aleca) Ue-Tunisia. ''Questo secondo round di negoziati, che proseguirà fino al 31 maggio, consentirà di discutere diversi argomenti, in particolare di quelli non inclusi nell'attuale accordo, come la liberalizzazione del commercio agricolo e la liberalizzazione dei servizi'' ha sottolineato Ignacio Garcia Bercero, capo negoziatore per la parte europea aggiungendo che ''è anche una questione di come possiamo integrare l'economia tunisina con quella europea e come rendere la Tunisia più attraente per gli investimenti stranieri''. Secondo Bercero, questi negoziati rappresentano un'importante opportunità per rafforzare ulteriormente il partenariato tra Europa e Tunisia, osservando che diversi temi come la concorrenza, le questioni di trasparenza normativa e quelle relative allo sviluppo sostenibile, la protezione dei lavoratori e la protezione dell'ambiente saranno discussi in gruppi di lavoro congiunti.

''È anche un'opportunità per conoscere le aspettative della società civile e sapere quali argomenti meritano di essere studiati meglio per definire una prospettiva più chiara e questo, nel quadro della totale trasparenza'', ha detto ancora Bercero. Da parte sua, Hichem Ben Ahmed, sua controparte tunisina, ha sottolineato che i negoziati Aleca si basano su due principi chiave: l'asimmetria e la progressività e la flessibilità dell'accordo, a seconda dell'andamento del lavoro a livello nazionale con la partecipazione di società civile tunisina, competenze, esperti e accademici. Il capo negoziatore tunisino ha sottolineato che la Tunisia ha scelto di impegnarsi in questo processo negoziale sull'Aleca che contiene ancora alcuni punti di discussione che meritano di essere studiati meglio come la difficoltà di mobilità per i professionisti. Il primo ciclo di negoziati fu avviato nel mese di aprile 2016 e l'organizzazione del secondo turno coincide con la progettazione e la realizzazione di un quadro globale di negoziati multidimensionali e le cui componenti sono complementari e sinergiche. Secondo una nota informativa fornita dal Segretariato generale del governo, questi negoziati sono guidati da alcuni principi fondamentali, quali il pieno rispetto della sovranità della Tunisia, l'approccio asimmetrico sempre a vantaggio della Tunisia, il rispetto dei diversi livelli di sviluppo dei settori negoziati e il loro livello di competitività, la possibilità di escludere o liberalizzare parzialmente i prodotti ''sensibili'', la progressività e la flessibilità dello sviluppo dell'accordo, la reciproca disponibilità a coinvolgere gli attori economici e la società civile e la piena trasparenza nei negoziati per quanto riguarda il loro scopo e l'agenda temporale. Secondo la stessa fonte, l'Ue aveva espresso la volontà di adeguare tali proposte all'agenda delle riforme economiche e delle priorità liberamente scelte dalla Tunisia. (ANSAmed)
© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati