Tunisia: autorizzata per la prima volta importazione fosfati

Dopo le perdite finanziarie subite dall'azienda Gct

17 settembre, 12:39

(ANSAmed) - TUNISI, 17 SET - La Tunisia, importante produttore di fosfati, si è vista costretta ad importare per la prima volta un certo quantitativo di questa materia utilizzata per la produzione di fertilizzanti. Alla fine di settembre infatti dovrebbe arrivare dall'Algeria alla società Tunisian Chemical Group (Gct) una spedizione di fosfati per costituire uno stock e consentirle di rispettare i suoi impegni riguardo alla produzione di fertilizzanti.

Gct aveva ufficialmente richiesto l'autorizzazione del governo per importare fosfati e sviluppato un piano per importare quantitativi mensili di circa 40 mila tonnellate, scrive l'agenzia tunisina Tap. Il direttore generale della Gct ha affermato che la decisione è stata presa in considerazione delle perdite finanziarie subite dal gruppo, che hanno superato i 760 milioni di dinari dal 2012, oltre al calo del 40% del volume di produzione. Tra le ragioni, ha citato la stessa fonte, in particolare, la mancanza di fornitura di fosfato dalla Gafsa Phosphate Company (Cpg), le cui quantità sono diminuite da 8 milioni di tonnellate nel 2010 a una media annua di 3 milioni di tonnellate dal 2011. Il trasporto e la consegna di fosfati commerciali da parte della Cpg ai propri clienti, in particolare alla Tunisian Chemical Group (Gct) a Gabes e alla Tunisian-Indian Fertilizer Company (Tifert) a Skhira (governatorato di Sfax) sono stati sospesi più volte, a causa di ripetute proteste e sit-in organizzati da disoccupati a Gafsa.

(ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo