Economia: Fipa, Tunisia resta attrattiva per investimenti

Vantaggi comparativi in almeno quattro settori

26 aprile, 17:06

(ANSAmed) - TUNISI, 26 APR - "La pandemia è un'opportunità per la Tunisia di attrarre più investimenti stranieri". Lo ha detto il direttore generale dell'Agenzia per la promozione degli investimenti esteri tunisina (Fipa) Abdelbasset Ghanmi, in un'intervista all'agenzia Tap precisando che "sebbene il numero di investimenti esteri sia diminuito nel 2020 (-24%), la Tunisia gode ancora di un certo grado di competitività, che le consente di attrarre ulteriori investimenti in futuro".

"I dati mostrano che la Tunisia è una destinazione favorevole per gli investimenti, ma molto lavoro deve essere fatto per migliorare questa immagine, in particolare migliorando il clima imprenditoriale e aumentando la competitività nei settori delle infrastrutture e della logistica. Questi due fattori sono spesso presi in considerazione da parte degli investitori", ha spiegato Ghanmi.

A causa della pandemia di Covid-19, i paesi europei hanno dovuto affrontare diverse sfide in termini di prodotti sanitari che importano da paesi lontani, in particolare dal sud-est asiatico e la Tunisia dovrebbe trarre vantaggio dal trasferimento delle attività delle società europee in Asia verso i paesi del sud del Mediterraneo, ha detto il direttore generale Fipa. I paesi europei stanno ora cercando di ottenere prodotti "sanitari" e farmaceutici da paesi geograficamente vicini a loro, come i paesi africani. Questa è un'opportunità per la Tunisia di riposizionarsi e attrarre maggiori investimenti stranieri nel settore farmaceutico, diverse società farmaceutiche straniere hanno presentato richieste di investimento nel Paese. "Siamo stati in contatto con società di consulenza cercando di convincere le aziende europee a delocalizzare le loro attività in Tunisia", ha detto Ghanmi.

La Fipa punta a promuovere la comunicazione digitale, i vantaggi competitivi della Tunisia e le opportunità di investimento in alcuni settori come il tessile, la tecnologia digitale e le industrie farmaceutiche. Diversi esperti hanno affermato che la Tunisia non potrà più attrarre investimenti diretti esteri (Ide) in settori classici come l'industria tessile, dell'abbigliamento e manifatturiera mentre esistono settori più efficienti con un alto valore aggiunto. Un sondaggio del 2019 condotto dall'agenzia ha dimostrato che la Tunisia ha vantaggi comparativi in ;;quattro settori, vale a dire componentistica auto, aeronautica, tecnologia digitale e industria alimentare. La Fipa ha riesaminato le sue priorità e sviluppato una politica di promozione settoriale che si tiene al passo con gli ultimi sviluppi mondiali e gli orientamenti dello Stato riguardo ai suoi piani di sviluppo post-coronavirus, passando a settori strategici prioritari ad alta competitività.

Ciò include i settori digitale, meccatronica, industrie farmaceutiche, tessuti tecnici e attività legate allo sviluppo tecnologico e all'innovazione, oltre ai settori dell'agricoltura e dell'industria alimentare.

Per Ghanmi, la Tunisia dovrebbe comunque continuare a promuovere gli investimenti diretti esteri nei settori del tessile e dell'abbigliamento (in particolare nel tessuto tecnico) che, nonostante le sfide attuali, rimane ancora il settore leader in Tunisia per numero di imprese industriali attive.

Circa 1.100 imprese a partecipazione estera rappresentano oltre il 40% del totale delle imprese industriali straniere attive in Tunisia.(ANSAmed) (ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo