Accordo israelo-giordano, energia solare in cambio di acqua

La firma a Dubai, con auspici degli Emirati e degli Usa

22 novembre, 18:07

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 NOV - Israele e Giordania hanno firmato oggi a Dubai, con gli auspici degli Emirati arabi uniti e degli Stati Uniti, una dichiarazione di intenti relativa ad una cooperazione di vasta portata nel campo dell'energia solare e delle risorse idriche. Il progetto - concepito nel contesto degli 'Accordi di Abramo' e nello spirito della Conferenza di Glasgow sulla difesa dell'ambiente - prevede la costruzione in Giordania di una grande centrale solare da dove una notevole quantità di corrente elettrica sarà inoltrata in Israele. In parallelo Israele esporterà annualmente in Giordania 200 milioni di metri cubici di acqua desalinizzata, da un impianto da realizzare sulla propria costa.

L'agenzia di stampa giordana Petra ha precisato che la dichiarazione odierna non è ancora vincolante e che il progetto non sarà realizzato se la Giordania non riceverà le quantità di acqua menzionate. "I dettagli dell'accordo - ha confermato la ministra israeliana dell'energia Karine Elharrar - saranno finalizzati nel 2022". Il ministro degli esteri degli Emirati Abdullah Bin Zayed si è felicitato dell'impegno congiunto israelo-giordano in difesa dell'ambiente. "E' una conseguenza degli Accordi di Abramo", ha precisato. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo