Sostenibilità e geopolitica nel Ports&Shipping '22 di Napoli

Dal 26 settebre cluster marittimo itaiano discute dell'attualità

05 luglio, 15:25

(ANSAmed) - NAPOLI, 05 LUG - Sostenibilità, innovazione e geopolitica, queste le tre parole chiave scelte dagli organizzatori del Cluster Marittimo Italiano che si svolgerà quest'anno a Napoli dal 26 settembre al 1 ottobre. La settimana internazionale dello shipping e della cultura del mare torna a Napoli nell'alternanza annuale con Genova con la quinta edizione della Naples Shipping Week (NSW) - organizzata da ClickutilityTeam e dal Propeller Club Port of Naples, l'appuntamento annuale del cluster marittimo nazionale che si riunisce per confrontarsi sulle nuove sfide e opportunità del mercato domestico, del Mediterraneo e globale.

Ports&ShippingTech (PST) sarà la main conference della settimana, una due giorni di convegni e incontri, in programma il 29 e 30 settembre al Centro Congressi Stazione Marittima di Napoli. I temi principali riguarderanno: decarbonizzazione ed efficienza energetica; innovazione e digitalizzazione delle navi e dei porti; le risorse marine e l'interesse nazionale su di esse, la situazione geopolitica e geoeconomica nel Mediterraneo allargato; le sfide spesso gravose che lo shipping deve affrontare a fronte delle modifiche regolamentari, normative e delle condizioni del contesto economico; l'ampio tema delle persone e delle professioni del mare.

Il programma di PST si articola sulle due giornate con una serie di conferenze e tavole rotonde. In evidenza l'apertura della prima giornata con "In the Med (and the world) che fotografa l'attuale contesto geopolitico e geoeconomico, post inizio guerra in Ucraina, del bacino mediterraneo e oltre e il ruolo critico dell'Italia all'interno di esso, con la prospettiva di soluzioni per linee di rivalità politico-militari.

La prima giornata proseguirà con la Presentazione del 9° Rapporto Annuale "Italian Maritime Economy" di SRM (Gruppo Intesa Sanpaolo) che analizza l'andamento del sistema logistico-marittimo in Italia e i fenomeni globali, sociopolitici ed economici, che hanno impattato maggiormente sul settore nel 2021. Tra i diversi appuntamenti, si prosegue il con il "Next generation shipping", il convegno di PST dedicato all'innovazione. Focus dell'incontro: automazione di bordo e di navigazione (sia per i portacontainer sia per le navi da crociera); sicurezza per fronteggiare la maggiore sofisticazione e l'intensificarsi delle minacce criminali, cyber e non, e la pirateria nei pressi di choke-point o delle aree di transito.

Tra gli altri appuntamenti di discussione del PST 2022 spiccano le sfide sistemiche e congiunturali nel shipping nelle sue diverse articolazioni, dalle navi ai porti; dai finanziamenti alla struttura dei costi fino alle regolamentazioni nazionali, europee e sovranazionali, ma anche il "Green ports and shipping summit" su decarbonizzazione, elettrificazione, autoproduzione ed efficienza del sistema logistico e di spedizione. (ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati