Algeria: chiesti 20 anni reclusione per ex ministro Energia

Al via processo in contumacia, è accusato di corruzione

01 febbraio, 13:36

(ANSAmed) - ALGERI, 1 FEB - Il pubblico ministero in Algeria ha chiesto martedì 20 anni di reclusione per corruzione nei confronti dell'ex ministro dell'Energia Chakib Khelil, in carica per 10 anni sotto la presidenza di Abdelaziz Bouteflika fuggito poi all'estero. "Il pm del tribunale di Sidi M'hamed ad Algeri ha chiesto 20 anni di reclusione contro Khelil e 10 anni per l'ex capo del colosso pubblico degli idrocarburi Sonatrach, Mohamed Meziane, imputato dello stesso processo", scrive l'agenzia di stampa algerina Aps.

Le pene detentive richieste sono accompagnate da pesanti multe con confisca di tutte le proprietà di Khelil e della sua famiglia. L'accusa ha anche chiesto la conferma del mandato d'arresto internazionale emesso nel 2019 contro l'ex ministro, in fuga all'estero, ha aggiunto l'agenzia. I due ex alti funzionari sono stati incriminati con altri coimputati per "corruzione nel caso del complesso del gas di Arzew (Orano, ovest)", "concessione di privilegi indebiti", "abuso d'ufficio" e "violazione di leggi e regolamenti" dei mercati, riferisce ancora l'Aps. Khelil è processato in contumacia mentre Meziane sta scontando una pena detentiva in Algeria in relazione a un altro caso.(ANSAmed).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati