Energia: Draghi, Paesi Med centrali, asse si sposta a sud

Enormi opportunità offerte da rinnovabili in Africa e MO

03 maggio, 15:38

Il premier Mario Draghi al Parlamento europeo Il premier Mario Draghi al Parlamento europeo

STRASBURGO - "La politica energetica è un'area in cui i Paesi del Mediterraneo devono giocare un ruolo fondamentale per il futuro dell'Europa. L'Europa ha davanti un profondo riorientamento geopolitico destinato a spostare sempre di più il suo asse strategico verso Sud". Lo ha detto il premier Mario Draghi al Parlamento Europeo.

"La riduzione delle importazioni di combustibili fossili dalla Russia rende inevitabile che l'Europa guardi verso il Mediterraneo per soddisfare le sue esigenze. Mi riferisco ai giacimenti di gas, come combustibile di transizione, ma soprattutto alle enormi opportunità offerte dalle rinnovabili in Africa e Medio Oriente. I Paesi del sud Europa, e l'Italia in particolare, sono collocati in modo strategico per raccogliere questa produzione energetica e fare da ponte verso i Paesi del nord. La nostra centralità di domani passa dagli investimenti che sapremo fare oggi", ha spiegato.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Business opportunities

Il sistema informativo sulle opportunità
di business all'estero

News dal Mediterraneo