Carthage Seminars, sfida del cambiamento sociale nei Paesi arabi

Forum sui destini della regione organizzato da Reset a Cartagine

06 luglio, 12:07

(ANSAmed) - TUNISI, 06 LUG - Dopo due anni di edizioni digitali, i Carthage Seminars - forum annuale promosso da Reset Dialogues on Civilizations dedicato al pluralismo nel mondo arabo - ritornano in presenza, in collaborazione e presso l'Accademia Tunisina delle Scienze, delle Lettere e delle Arti Beit al-Hikma di Cartagine (Tunisi).

La conferenza, organizzata a Cartagine con il sostegno della Fondation Maison des Sciences de l'Homme di Parigi e della Calouste Gulbenkian Foundation - Delegazione in Francia, si svolgerà il 7 e l' 8 luglio, secondo un programma che metterà a confronto un numero rilevante di studiosi, giovani ricercatori, docenti, giornalisti ed attivisti dall'interno ed esterno della regione - per contribuire, secondo la mission di Reset DOC, a strutturare e nutrire nuove reti di conoscenza in grado di promuovere le ragioni del pluralismo politico e culturale in diversi contesti. In un contesto di tensioni internazionali e difficoltà politiche crescenti - sottolinea Reset in una nota - , le proteste sociali delle ultime settimane in diversi Paesi arabi hanno ricordato a studiosi e osservatori tutta l'attualità di quella spinta alla giustizia sociale e alla partecipazione politica che undici anni fa innescò le Primavere Arabe. La divisione tra le ali laica e religiosa della sfera politica appare passata in secondo piano, sostituita dalla domanda trasversale di welfare, prosperità, efficienza nei servizi pubblici e una vita sociale più libera e dinamica. La pandemia da covid prima, l'esplosione della tensione internazionale tra Russia e Paesi occidentali poi a seguito dell'invasione dell'Ucraina non hanno fatto che acuire tali domande, sotto la spinta di una crisi socio-economica d'immensa portata lungo tutta la regione del Medio Oriente e del Nordafrica.

I Carthage Seminars 2022, preceduti dalla Summer School dal 4 al 6 luglio per 25 studenti e giovani ricercatori da Europa e Mediterraneo, mirano in questo contesto a studiare e discutere in profondità la diversità sociale, culturale, religiosa e politica nel mondo arabo, dando voce a studiosi della regione immersi nelle sue sfide quotidiane a fianco di esperti internazionali che studiano l'area da decenni. Tra gli speaker ricordiamo Wahid Abdelmeguid, Stefano Allievi, Lisa Anderson, Meysam Badamchi, Joseph Bahout, Amel Boubekeur, Georges Fahmi, Amel Grami, Sharan Grewal, Mohamed Haddad, Sari Hanafi, Mohammed Hashas, Elizabeth Suzanne Kassab, Volker Kaul, Jonathan Laurence, Mohammed Masbah, Nejia Ouriemmi, Renata Pepicelli, Mounir Saidani, con il coordinamento scientifico di Mohammed Hashas. La partecipazione ai Seminari è libera e gratuita, previa registrazione. (ANSAmed)
© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati