A Tunisi Fiera Internazionale della Transizione Energetica

Presso sede di Utica, riunirà tutti gli attori delle rinnovabili

06 ottobre, 10:25

(ANSA) - TUNISI, 06 OTT - Si terrà a Tunisi dal 19 al 21 ottobre la prima Fiera Internazionale della Transizione Energetica. Organizzata dal Sindacato dell'Industria Fotovoltaica (Cspv), in collaborazione con la Confederazione Tunisina dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato (Utica), la Fiera si articola in una mostra-conferenza sul tema: "Sviluppo sostenibile in Tunisia", e riunirà tutti gli attori del settore delle energie rinnovabili, sia privati ;;che pubblici, nonché alti funzionari e rappresentanti di istituzioni pubbliche e private in Tunisia e all'estero.

Il settore privato, si legge in una nota degli organizzatori, prevede di investire circa 10 miliardi di dinari tunisini (quasi 3 miliardi di dollari) per raggiungere l'80% dell'obiettivo del Piano solare tunisino (Pst) di distribuire 4.500 megawatt (Mw) di energia rinnovabile nei prossimi 7 anni.

L'evento si concentrerà sul ruolo del settore privato nell'attuazione della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile in Tunisia e nel raggiungimento degli obiettivi del Pst. L'evento porrà l'accento sulle energie rinnovabili (EnR) in Tunisia, tutti i settori inclusi, e sul loro ruolo nella transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio e sulla responsabilità collettiva di tutte le parti interessate e operatori economici pubblici e privati ;;nel raggiungimento dello sviluppo sostenibile in Tunisia".

In vista di questo obiettivo, "è tempo di serrare i ranghi e rimuovere tutte le barriere legislative, amministrative e finanziarie, sia a livello di governo che dei principali attori del settore energetico in Tunisia (STEG, ANME e altri donatori, ecc.)", ha detto il presidente del Cspv Ali Kanzari in un incontro tenutosi presso la sede dell'Utica.

La Tunisia potrebbe cogliere l'opportunità dell'attuale crisi energetica causata dalla guerra Russia-Ucraina per recuperare il ritardo nella distribuzione di energia rinnovabile, accelerare la transizione energetica e perché no, diventare un esportatore di energia verde all'Europa, hanno raccomandato gli esperti presenti all'incontro. "I paesi del nord del Mediterraneo, che sono i principali consumatori di energia, potrebbero ottenere elettricità verde dai paesi del Mediterraneo meridionale, tra cui Tunisia e Marocco. La Gran Bretagna ha già fatto ricorso al Marocco per ricevere energia verde attraverso l'Atlantico,e prepararsi alle ondate di freddo previste per i prossimi inverni", ha sottolineato Kanzari. La Tunisia, che gode di un posizionamento strategico, potrebbe fare la stessa cosa a condizioni migliori vista la sua vicinanza all'Europa. "Basta un'interconnessione attraverso la Sicilia, che dista solo 200 km da El Haouaria, o a nord di Roma (circa 800 km dalla costa tunisina), dove si trovano le reti centrali di trasmissione dell'energia verso l'Europa occidentale, per esportare energia verde prodotta in Tunisia all'Europa", ha indicato il funzionario.(ANSA)
© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati