Atene a Ue, 400 migranti soccorsi vanno ricollocati

Mitarakis, 'onere sproporzionato Paesi di prima accoglienza'

23 novembre, 17:32

ATENE - Il ministro greco per l'Immigrazione Notis Mitarakis ha reso noto, tramite il suo account Twitter, di avere inviato una lettera al vicepresidente della Commissione europea Margaritis Schinas e alla commissaria europea per gli Affari interni Ylva Johansson con la richiesta di coordinare il ricollocamento dei circa 400 migranti soccorsi ieri mattina a sud dell'isola di Creta dalla Guardia Costiera greca.

"Non ci si può aspettare che i Paesi di prima accoglienza si facciano carico di un onere sempre maggiore e sproporzionato rispetto alle proprie capacità", si legge nella lettera, dove il ministro aggiunge: "L'Europa deve dimostrare di essere in grado di fornire una solidarietà immediata e tangibile" e "garantire che la responsabilità, nel salvare vite in mare, sia equamente condivisa dagli Stati membri, come è avvenuto per altre operazioni Sar nel Mediterraneo".

Nella lettera firmata dal ministro greco viene ripercorsa inoltre la dinamica del salvataggio: un peschereccio lungo 30 metri ha lanciato l'allarme, nelle notte tra lunedì e martedì, poiché stava imbarcando acqua a 15 miglia nautiche a sud di Creta. Sull'imbarcazione viaggiavano circa 400 persone che sono state tratte in salvo e fatte sbarcare nel porto di Paleochora, a sud dell'isola di Creta, dopo che l'imbarcazione è stata trainata da un peschereccio. Nella lettera inviata da Mitarakis si specifica che non si conosce ancora il porto da cui è partita la nave, né quale bandiera battesse.

Nell'ultimo periodo si stanno intensificando i viaggi di grandi imbarcazioni salpate dalle coste turche e dirette in Italia, per evitare i respingimenti della Guardia costiera greca. Negli ultimi due mesi più di 60 persone sono morte a seguito di naufragi nelle acque greche.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati